SHARE

All’indomani della bruciante sconfitta maturata contro la capolista San Marino Academy, Elena Mannucci, 22 anni, mediano di centrocampo della Sassari Torres con attitudini a giocare come fantasista e notevoli capacità di adattamento in altre ruoli, suona la carica in favore della propria squadra, non ancora tagliata fuori dalla vittoria finale del girone.

Ciao, Elena cosa ti ha spinto ad accettare l’offerta della Sassari Torres ?

Dopo aver giocato la scorsa stagione nella Vigor Calcio, il mio cartellino è stato gestito dall’Empoli che a Dicembre mi ha ceduto in prestito alla Sassari Torres; dopo essere rimasta fuori per lungo tempo dai campi di gioco per una serie di infortuni, ho accettato con entusiasmo il trasferimento in terra sarda rimettendomi in gioco, approdando in una delle società piu’ titolate in Italia nonostante giochi in una categoria che non le appartiene; l’impegno e l’organizzazione di tutto lo staff sono ottimali, dagli allenamenti, alla pianificazione delle trasferte, tutto è perfetto e preciso come se fossimo una squadra di serie A.

La sconfitta con la capolista San Marino Academy potrebbe pregiudicare il vostro programma di vincere il girone ?

Il campionato non lo ritengo ancora chiuso, l’ansia ha giocato un fattore determinante nella sconfitta con la San Marino Academy; eravamo partite convinte dei nostri mezzi e delle nostre potenzialità ma siamo arrivate impaurite all’evento non riuscendo a mettere in pratica quello che avevamo programmato in settimana; ripartiamo da questa sconfitta piu’ carichi di prima per puntare a conquistare tutto quello che ci resta fino alla fine della stagione.

Infine, un giudizio personale sulla tua stagione

Non ho giocato per quanto mi aspettavo, il minutaggio è stato forse condizionato dal mio recupero dall’infortunio, ora mi sento bene e in piena forma per dimostrare le mie capacità. Ho la fortuna di essere circondata da compagne di squadra fortissime, io devo ancora recuperare tanto per tornare quella che ero prima dell’incidente; sono soddisfatta delle prestazioni rese nelle gare con il Riccione, dove ho giocato in un ruolo non mio, in condizioni ambientali pessime, portando a casa una preziosa vittoria nonchè dell’incontro con il Real Bellante dove ho anche segnato una rete.