19/07/2024

1a giornata – 24 luglio 2023

Lunedì 24 luglio alle ore 8 italiane, Inizia il mondiale delle ragazze azzurre.

Avversaria di turno l’Argentina, formazione ostica e difficile da affrontare… ma si sa in un mondiale non esistono partite facili come testimoniano anche le tante sorprese di questa prima giornata. 

Milena Bertolini schiera la seguente formazione: Durante, Di Guglielmo, Linari, Boattin, Salvai, Giugliano, Bonansea, Beccari, Dragoni, Caruso, Giacinti.

Le ragazze argentine rispondono con: Correa, Stabile, Cometti, Núnez, Falfan, Braun, Mayorga, Bonsegundo, Benitez, Larroquette, Banini.

Parte subito forte l’Argentina che si guadagna un buon calcio di punizione. Il pallone messo in area di rigore arriva tra i piedi di Larroquette che lo gira al volo ma non trova la porta.

La risposta azzurra arriva al 3’ su azione di calcio d’angolo: sul cross di Boattin il pallone arriva a Giugliano che calcia dal limite dell’area ma il difensore respinge miracolosamente e salva la porta Argentina.

Ancora Italia pericolosa al 4’ sempre su azione d’angolo: Boattin crossa sul primo palo, inserimento di Caruso che calcia ma il pallone termina di poco largo.

Altra buona occasione per le azzurre al 9’ con Bonansea che serve in profondità Giacinti, l’attaccante della Roma sfrutta l’errore del difensore e calcia di prima intenzione verso la porta ma Correa blocca senza eccessivi problemi.

All’11’ arriva il primo cartellino giallo della partita ed è per Larroquette che entra in maniera troppo rude e scomposta su Bonansea.

Al 15’ l’Italia trova il gol con una bellissima giocata di Caruso che controlla e poi calcia sul palo lontano alla sinistra del portiere. 

Purtroppo però, non c’è neanche il tempo di esultare perché il guardalinee ha alzato la bandierina e il gol come confermato anche dal Var, viene giustamente annullato.

Passano i minuti e piano piano, l’Argentina cerca di guadagnare campo grazie ad un ottimo fraseggio.

Per una lieve trattenuta su Larroquette al 26’ viene ammonita Caruso. Il calcio di punizione dal limite dell’area di Banini viene respinto dalla barriera.

Magia di Dragoni al 36’ che con un lancio in profondità trova Giacinti, il controllo del pallone non è semplice e il portiere argentino, in uscita, riesce a bloccare.

Al 39’ è ancora brava Giacinti a controllare un pallone in area di rigore ma viene contrata dall’ottima chiusura di Mayorga che permette l’uscita bassa al portiere Correa.

Al 42’ Beccari trova Giacinti con un preciso lancio in area di rigore, l’attaccante giallorossa controlla e poi calcia in rete ma anche questa volta si alza la bandierina del guardalinee e il gol viene annullato. Le immagini al Var confermano la posizione irregolare di Giacinti. 

Al 46’ tiro dalla distanza di Bonsegundo che viene respinto in calcio d’angolo da un intervento in scivolata di Linari.

Dopo 4’ di recupero il direttore di gara manda le squadre al riposo sul risultato di 0-0.

La ripresa si apre, un po’ a sorpresa senza alcuna sostituzione da parte delle due panchine.

Al 49’ Argentina pericolosa grazie al calcio di punizione di Stabile che, da posizione defilata, (tutta sulla destra), tenta direttamente la conclusione verso la porta. È una magia sulla quale interviene miracolosamente Durante che respinge, salvando la porta azzurra. 

La risposta azzurra arriva al 53’ con un calcio di punizione di Boattin, in area di rigore arrivano sul pallone prima Giacinti e poi Beccari ma non riescono ad imprimere sul pallone la forza necessaria per spedirlo in rete.

Al 55’ il cross di Bonansea viene respinto dalla difesa argentina, al limite dell’area arriva Giugliano che calcia di potenza ma non inquadra la porta. 

Un minuto dopo è Bonansea che controlla il pallone, si libera molto bene sullo stretto della diretta avversaria ma al momento del tiro calcia alto sopra la traversa.

Al 58’ prima sostituzione in casa azzurra, esce Caruso e al suo posto entra la centrocampista della Roma, Giada Greggi.

Azione personale al 68’ da parte di Bonansea che si fa tutto il campo e viene abbattuta da Mayorga appena arrivata nei pressi dell’area di rigore. L’arbitro estrae il cartellino giallo per la ragazza dell’ albiceleste.

Sul punto di battuta va Giugliano che calcia a giro ma il pallone non si abbassa e termina di poco alto sopra la traversa. 

Ancora pericolosa l’Argentina al 72’ sempre su calcio di punizione con la specialista Stabile ma Durante è ancora una volta pronta e respinge la conclusione.

Altro cambio azzurro al 73’ con Cantore che entra in campo al posto di Valentina Giacinti.

Azione personale di Bonansea al 75’ ma il suo tiro-cross viene bloccato dall’uscita precisa del portiere.

Bella giocata di Cantore al 76’ che viene strattonata da Bonsegundo; il direttore di gara estrae il terzo cartellino giallo per la squadra argentina.

Al 77’ arriva il momento del primo cambio anche nella nazionale sudamericana con Núnez che lascia il posto a Rodríguez.

Bella conclusione di potenza da parte di Giada Greggi all’82’ ma il tiro è centrale e Correa riesce a bloccare.

Altra sostituzione per la nazionale azzurra all’83’ con Dragoni che viene sostituita da Girelli.

In un atto di grande generosità ricorrendo il pallone nella metà campo argentina, Bonansea entra in ritardo e viene ammonita dal direttore di gara. 

All’87’ Boattin riceve da Greggi nella zona centrale del campo e crossa il pallone in area di rigore per Girelli che prende bene la posizione su Stabile e stacca di testa realizzando il gol del vantaggio azzurro 1-0.

Sono momenti di grandi emozioni tra le ragazze italiane, tutta la panchina schizza in piedi per festeggiare. La nostra nazionale passa così meritatamente in vantaggio.

Sostituzione in casa Argentina al 92’ con Ippolito che entra in campo al posto di Falfan.

Al 93’ punizione dal limite dell’area per l’Argentina con Bonsegundo che trova la porta ma Durante è bravissima e respinge.

Sul capovolgimento di campo, Cantore avanza palla al piede e tenta la conclusione con un diagonale che termina largo alla destra del portiere.

Al 96’ altra ammonita in casa Argentina, questa volta è Stabile che termina sul taccuino dell’arbitro per un fallo su Cantore.

Subito dopo, bella azione di Boattin sulla destra, supera la diretta avversaria e calcia verso la porta ma Correa è brava e respinge in calcio d’angolo.

Dopo 7’ di recupero il direttore di gara mette fine alla partita che l’Italia vince 1-0 sull’Argentina. Ottimo modo di cominciare il mondiale, tre punti conquistati contro un’avversaria tosta che sicuramente metterà in difficoltà anche le altre squadre del girone.

ITALIA-ARGENTINA 1-0 (0-0 pt)

MARCATRICE: 87’ Girelli (I)

ITALIA (4-2-3-1): Durante; Di Guglielmo, Linari, Salvai, Boattin; Giugliano, Dragoni (83’ Girelli); Bonansea, Caruso (58’ Greggi), Beccari; Giacinti (74’ Cantore). All. Milena Bertolini.

ARGENTINA (4-2-3-1): Correa; Braun, Mayorga, Cometti, Stabile; Nunez (77’ Rodriguez), Benitez; Falfan (92’ Falfan), Banini, Bonsegundo, Larroquette (92’ Gramaglia). All. German Portanova.

ARBITRO: Melissa Borjas (HN). ASSISTENTI: Shirley Lòpez (HN), Sandra Ramirez (HN); IV ufficiale Ivana Martincic (CRO).

NOTE: ammonite 11’ Larroquette (A), 26’ Caruso (I), 68’ Mayorga (A), 76’ Bonsegundo (A), 85’ Bonansea (I), 96’ Stabile (A)

Calcioinrosa.it è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Arezzo al n. 5 del 08/08/2018
Copyright © Calcioinrosa 2005 - 2021  | Impostazioni tracciamento  |  Privacy Policy  |  Cookie Policy  |  Contatti  |  Disclaimer