20/07/2024

Caso Fossati-Novese, la replica dell’avvocato Sperduti

maurizio fossati

Nei giorni scorsi abbiamo pubblicato il testo della richiesta di deferimento da parte della Procura della FIGC presso la Commissione Disciplinare del Settore Tecnico dell’ex allenatore della Novese Maurizio Fossati. Secondo l’accusa, che si poggia sui riscontri testimoniali di diverse persone tra giocatrici e non tesserati, il tecnico si sarebbe reso protagonista di atti di discriminazione, stalking e richieste di denaro per acconsentire ad uno svincolo.

Ieri l’avvocato di mister Fossati, Matteo Sperduti, ha diramato un comunicato nel quale chiarisce la posizione del suo assistito. Lo riportiamo integralmente:

Unitamente all’allenatore Maurizio Fossati, in qualità di suo legale di fiducia, siamo ad emettere il seguente comunicato ufficiale al fine di chiarire la posizione dello stesso circa le pesanti accuse che gli sono state mosse nella giornata di ieri da diversi organi di informazione e che non trovano riscontro nemmeno nell’atto di deferimento della Procura Federale della FIGC e nel relativo fascicolo procedimentale
In tal senso, siamo a negare ogni tipo di accusa mossa nei confronti del sig. Fossati in quanto priva di fondamento alcuno e soprattutto facente riferimento a condotte di reato, mai contestate in sede di giustizia sportiva, perché mai dallo stesso poste in essere verso le calciatrici allenate negli anni. 

Preme precisare che, dagli atti del procedimento sportivonon emergono accuse precise e concordanti circa i fatti oggetto di giudizio e che, all’inverso, sembra una evidente azione posta in essere da alcuni soggetti per ledere l’immagine e la reputazione di uno stimato allenatore che ha sempre dimostrato sul campo e fuori di avere una condotta esemplare e rispettosa verso le calciatrici stesse, avendo sempre dimostrato di prendersi cura delle atlete sia sotto il profilo professionale ed umano, in un contesto certamente non semplice da gestire. Proprio per tali ragioni e per le forti accuse mosse nei suoi confronti senza conoscere gli elementi oggetto del giudizio nonché dando una evidente erronea interpretazione di quanto riportato nel deferimento, tanto che se si fosse trattato di questioni cosi rilevanti (omofobia, avanche sessuali, bodysharming ed altro) saremmo a rispondere alla Procura della Repubblicaprocederemo nei prossimi giorni a presentare apposita denuncia penale contro tutti coloro che hanno, con le proprie dichiarazioni ed esternazioni da noi ritenute false, causato un danno morale, umano e di immagine all’allenatore Fossati. 

Abbiamo letto, infatti, di interviste pubbliche rilasciate da atlete che non corrispondono a quanto riferito invece dinanzi alla Procura Federale; abbiamo letto di ipotetiche foto “scandalose” mai depositate in sede di audizione da parte delle tesserate stesse (sentite peraltro solo come persone informate dei fatti e non come soggetti denuncianti). Riteniamo che di tutte queste condotte le persone interessate ne dovranno rispondere davanti agli organi competenti perché il danno arrecato appare, senza ombra di dubbio, ingiusto per la persona del Fossati e soprattutto confliggente con tutti il bagaglio difensivo documentale che riguarda il rapporto con le atlete e che lo stesso presenterà in sede di giudizio sportivo e non per difendere la propria persona da queste infamanti accuse. 
Tanto si doveva per chiarire la posizione del sig. Fossati.”

Calcioinrosa.it è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Arezzo al n. 5 del 08/08/2018
Copyright © Calcioinrosa 2005 - 2021  | Impostazioni tracciamento  |  Privacy Policy  |  Cookie Policy  |  Contatti  |  Disclaimer