SHARE

Attaccante dotata di una buona accelerazione capace di andare a segno alternando il suo repertorio con i piedi e la testa, è al terzo anno consecutivo nelle fila del Vittorio Veneto, squadra con cui ha vinto il campionato juniores regionale, contribuendo tra l’altro con le sue apparizioni al raggiungimento del secondo posto con la prima squadra.

Una sua doppietta nella gara d’andata dei quarti di finali della fase nazionale juniores contro le Azalee ha dato il via libera alla qualificazione in semifinale della squadra veneta.

Vetrina della giornata per la calciatrice friulana Ilaria Mella, classe 2002, giocatrice di prospettiva di indubbie qualità, punto di riferimento delle tosette di mister Tommasella chiamate alla volata finale per la conquista del titolo nazionale.

Ciao Ilaria, qualificazione ottenuta alle semifinali juniores dopo aver superato le Azalee. Un commento sul doppio confronto

Contro le Azalee sono state due partite toste e combattute sia dal punto di vista fisico che psicologico, noi abbiamo lottato fino alla fine perché con la squadra abbiamo un obiettivo che per adesso sta continuando. Le nostre avversarie ci hanno messo molte volte in difficoltà, grazie al loro buon gioco, ma noi siamo riuscite a tenere testa nonostante il caldo infernale che ha fatto soffrire entrambe le squadre.

Al prossimo torno affronterete il Torino, come vi state preparando alla gara?

Le semifinali le giocheremo contro un avversario temibile, il Torino. Per prepararci al meglio ci stiamo allenando tutte quante molto duramente e intensamente, durante questa settimana. Ci stiamo impegnando al massimo delle nostre forze per arrivare preparate domenica puntando a correre e lottare con la cattiveria giusta per portare a casa un’altra vittoria.

Con la prima squadra avete ottenuto in campionato un secondo posto in un girone dove nessuno è stato promosso alla categoria superiore. Cosa è mancato al gruppo per provare il salto di qualità?

Secondo me è mancato un pizzico di fortuna, la prima squadra è dotata di ottime giocatrici che si allenano costantemente nonostante gli innumerevoli impegni. Durante le partite giocate in questo campionato ci sono stati pali, traverse e molti infortuni che ci hanno “penalizzato” nel riuscire a portare a casa il risultato, favorendo in tal modo inevitabilmente la squadra avversaria. In campo dalla prima all’ultima giocatrice della rosa abbiamo dato l’anima in ogni partita, provando fino all’ultimo a vincere il campionato.

Il ricordo più bello della tua carriera agonistica da poco iniziata?

A dire il vero ho due bei ricordi da sottolineare. Il primo è stato quando ho realizzato il mio primo gol in prima squadra, ero davvero contentissima ed entusiasta, invece il secondo è abbastanza recente coinciso con la vittoria del campionato juniores con l’ultima partita in casa che si è conclusa con una nostra vittoria permettendoci di festeggiare l’ambito traguardo con i nostri tifosi. Siamo una squadra unita e compatta ed è grazie a questa caratteristica e forza del gruppo che tutt’ora stiamo lottando per giocarci le fasi nazionali.

Prospettive ed obiettivi per la prossima stagione

Di sicuro uno dei miei obiettivi è quello di migliorare ancora di più tecnicamente e fisicamente, perché in entrambe le categorie vorrei dare il massimo, facendo di tutto per portarle alla vittoria. Con le juniores vorrei rifare lo stesso percorso che stiamo facendo adesso mentre con la prima squadra vorrei riuscire a vincere il campionato, arrivando nella serie successiva, l’ambita serie B.