SHARE

La Fiorentina manca la vittoria nel suo esordio europeo portando comunque a casa un pareggio importante contro lo Slavia Praga nella gara di andata dei sedicesimi di finale della UEFA Women’s Champions League (UWCL).

Le Viola sono sembrate più in palla rispetto alle ultime uscite in campionato e al cospetto di una formazione di buon livello come quella ceca, hanno sciorinato un buon calcio soffrendo però la maggior fisicità delle avversarie.

La gara si era messa subito bene per la formazione di mister Cincotta che si è trovata con la strada in discesa quando Louise Quinn ha preso l’ascensore per battere Votikova. Il vantaggio galvanizza le toscane che riescono a mantenere le avversarie lontane dalla propria area e si propongono bene in avanti.

Peccato però che la Fiorentina abbia confermato con il passare dei minuti la sua annata anomala con troppe disattenzioni e qualche amnesia di troppo in fase difensiva che ha compromesso il risultato. Proprio da due di queste nascono le azioni che le ceche capitalizzano al massimo per superare Stephanie Ohrstrom e far pendere la bilancia della qualificazione dalla propria parte.

Quando tutto sembrava compromesso però Tatiana Bonetti con una delle sue magie semina il panico nella difesa avversaria e regala un assist al bacio per Daniela Sabatino che anticipa la diretta marcatrice e ribadisce in rete equilibrando il risultato.

La Fiorentina si troverà ora a dover rincorrere cercando di strappare la qualificazione a Praga.

FIORENTINA (4-3-3): Ohrstrom; Thogersen, Quinn, Tortelli, Zanoli (74′ Vigilucci); Mascarello, Breitner, Neto (64′ Adami); Bonetti, Sabatino, Clelland (60′ Piemonte). All. Cincotta

Slavia Praga (4-2-3-1): Votikova; Jarchovska, Necidova, Pincova (81′ Khýrová), Bartovicova; Persson (76′ Šurnovská), Cahynova; Divisova (85′ Černá), Kreijcikova, Szewieczkova (46′ Šlajsová); Kozarova. All. Kolomaznik

MARCATRICI – 4′ Quinn (F), 39′ Persson (S), 59′ Divisova (S), 78′ Sabatino (F)