SHARE
guarino gama
(Rita Guarino e Sara Gama in conferenza stampa - Fonte: Twitter Juventus FC Women)

Scatta da domani la Uefa Women’s Champions League (UWCL), la massima competizione europea in ambito femminile, che vedrà in campo per l’Italia la Juventus Women, vincitrice dello scorso campionato, e la Fiorentina Women’s FC, giunta seconda al termine di un finale rocambolesco.

guarino gama
(Rita Guarino e Sara Gama in conferenza stampa – Fonte: Twitter Juventus FC Women)

Le due formazioni italiane hanno avuto un sorteggio particolarmente arduo per i sedicesimi di finale essendo state abbinate rispettivamente con le vice campionesse d’Europa del Barcelona e con le campionesse d’Inghilterra dell’Arsenal ma il morale è alto dopo la fase di preparazione e la voglia di scendere in campo è tanta.

JUVENTUS WOMEN – Alla vigilia della gara con le catalane sono state il coach Rita Guarino e capitan Sara Gama a rilasciare alcune dichiarazioni per analizzare gli aspetti più importanti del match.

Il capitano delle bianconere si è soffermata sulle prossime avversarie e sui punti di forza della squadra: «Di partite importanti ne abbiamo fatte tante in passato. Questa la affrontiamo a viso aperto, vogliamo giocarcela.Si affrontano due grandi squadre. Il Barcellona negli anni scorsi ha fatto un grande percorso in Women’s Champions League, loro sono le favorite, ma noi abbiamo già dimostrato di poter giocare bene. Dovremo essere aggressive in fase di non possesso. Abbiamo grandi qualità che domani dovranno venire fuori: rispetto per tutti e paura di nessuno. I nostri punti di forza sono il gruppo e l’unità di intenti. La nostra compattezza fa la differenza».

L’allenatrice invece ha sottolineato le insidie di una gara così dura all’apertura della stagione e fatto il punto sulla situazione della squadra: «Esordire subito in Women’s Champions League crea qualche problema in più perché non abbiamo ancora una squadra rodata. Ci siamo allenate bene, lavorando nel migliore dei modi. Dalle ragazze mi aspetto una grande prestazione e crediamo molto nell’apporto del pubblico. Il Barcellona? E’ una squadra completa in ogni reparto, ha una rosa molto ampia ed è una squadra costruita per vincere la Champions. Oltre a Bonansea e Salvai, abbiamo Pedersen e Boattin in dubbio. Domani sapremo se potranno essere della partita oppure no. Giocheremo con il 4-3-3, cambierà la strategia in funzione di un avversario che applica un calcio totale. La formazione ce l’ho già in testa, devo solo capire le indisponibili. Gli ultimi dubbi li scioglierò domani».

FIORENTINA – Le Viola saranno impegnate giovedì 12 ma in questi giorni hanno già rilasciato alcune dichiarazioni mister Antonio Cincotta, intervistato da Radio Bruno Toscana, e Alice Parisi, sui canali social della società.

La centrocampista gigliata si è soffermata su cosa attende la squadra dalla prima in casa e sulla preparazione del match:«Sui centottanta minuti sono partite che si giocano spesso sulle emozioni quindi giocare la prima in casa può essere un vantaggio per noi, visto che hai l’entusiasmo del pubblico che deve essere un valore aggiunto per noi. Stiamo studiando l’avversario e le nostre mosse sui loro punti deboli e come contrastarle sui loro punti di forza. La positività c’è».

Nell’intervista rilasciata dall’allenatore viola sono stati diversi i temi toccati ma riguardo alla prossima sfida europea si è parlato con molto rispetto dell’Arsenal senza però darsi per vinti in partenza:«Dopo un’estate con le nazionali, è giusto ripartire con i club. Non vediamo l’ora di ricominciare. Abbiamo tre giocatrici fuori (Catena, Clelland e Vigilucci), le altre ragazze sono a disposizione per la partita di Champions League contro l’Arsenal (giovedì 12 settembre alle 19 al Franchi, ndr). La squadra inglese è candidata alla vittoria della Champions, loro sono la squadra dei sogni, noi siamo la squadra che sogna e non demorderemo. Non ci diamo per morti prima della partita, siamo la Fiorentina, abbiamo fatto la storia in Italia. Conosciamo la storia e la forza dell’Arsenal, ma giocheremo alla morte. Se abbiamo un un per cento di possibilità di passare il turno, lo difenderemo con i denti […] In campionato cercheremo di stare in vetta il più possibile e in Europa cercheremo di non essere mai domi. Preferisco giocare subito in casa per essere trascinato dal pubblico, poi faremo i conti in trasferta. Non andremo allo sbaraglio contro l’Arsenal, giocheremo per fare risultato».

Ricordiamo che entrambe le gare saranno trasmesse in diretta su Sky Sport: mercoledì 11 andrà in scena la gara tra Juventus Women e Barcellona (calcio d’inizio alle ore 20.30) mentre il giorno dopo sarà il turno della Fiorentina Women’s FC contro l’Arsenal (calcio d’inizio alle ore 19).