SHARE

Agile e scattante laterale di sinistra, da quattro stagioni milita nelle fila dell’Unterland Damen, società militante nel girone B della serie C, con la quale ha realizzato complessivamente 80 reti, conquistando nella prima annata la Coppa e la promozione nella categoria superiore.

Cresciuta nella squadra maschile del Vipiteno, ha proseguito la sua carriera agonistica nelle fila del Bressanone prima di un ritorno a Vipiteno e l’inizio della sua avventura con la squadra di Cortina, terza classificata nel raggruppamento, chiamata a recitare il ruolo di “ago della bilancia” nello scontro al vertice tra le due contendenti alla vittoria finale Vittorio Veneto e Riozzese.

Omaggio a Sandra Ernandes, classe 1989, veterana e punto di riferimento della squadra della Bassa Atesina, in doppia cifra nel tabellino marcatori per il quarto anno consecutivo.

Ciao Sandra, per iniziare una tua breve presentazione

Ciao sono Sandra Ernandes, ho 29 anni e da quattro stagioni milito nell’Unterland Damen. Ho iniziato a giocare come attaccante o seconda punta, mentre negli ultimi tre anni gioco prevalentemente sulla fascia sinistra; mi reputo agile e scattante, privilegiando anche il movimento senza palla

Le tue esperienze calcistiche

Ho iniziato la mia carriera agonistica nel 1995 nelle fila del Vipiteno maschile, squadra con la quale ho militato fino al 2002; dal 2003 al 2005 sono passata al Vandoies in serie C, vincendo la coppa e il Campionato; dal 2006 al 2008 ho continuato la mia avventura in serie B, realizzando 25 goal e conquistando la promozione in A2; dopo aver ricevuto una convocazione per uno stage nella nazionale under 17 e 19, ho subito una frattura alla clavicola che mi ha costretta ad uno stop forzato di 6 mesi; in seguito, ho militato per 2 stagioni in serie B nel Bressanone, prima di ritornare a Vipiteno; a partire dal 2015 sono arrivata all’Unterland Damen in serie C, vincendo coppa e campionato nella prima annata e realizzando in sequenza 31, 20 e 19 reti prima delle 10 di questa stagione.

La prossima gara con l’Oristano

Gran parte delle squadre che hanno giocato finora ad Oristano hanno vinto faticando, dobbiamo stare attente a non sottovalutare l’impegno, anche se i nostri avversari hanno zero punti in classifica, non sarà facile affrontare l’impegno. Anche se mancano una decina di giorni all’evento ci stiamo già preparando nel migliore dei modi, la consideriamo a tutti gli effetti una finale; a seguire, in pochi giorni, dovremo giocare mercoledi il recupero con la Riozzese per poi affrontare il Vittorio Veneto, sarà dura affrontare le due candidate alla vittoria finale ma cercheremo di metterle in difficoltà provando a fare lo sgambetto.

Ottanta reti complessive con la maglia dell’Unterland Damen

Non mi sarei mai aspettata di raggiungere la quota di 80 reti con la maglia dell’Unterland Damen in quattro stagioni, sono molto soddisfatta di quello che ho potuto fare finora, mancano ancora diverse gare alla fine della stagione, proverò a raggiungere le 90 reti.

Entro la prossima stagione si potrebbe provare a raggiungere quota 100

Chissà….essendo comunque ormai una delle meno giovani del gruppo, decido di anno in anno dove e se giocare eventualmente l’anno seguente.

Hai avuto proposte da altre società in questi ultimi anni ?

Dopo aver frequentato l’università e aver trovato lavoro come infermiera in zona ho raggiunto il mio equilibrio come persona; il campo si trova a circa 40 km di distanza dalla struttura, sono felice di questa condizione, l’idea di spostarmi altrove non è mi è piu’ balenata nella mente.

Un commento infine sullo stato del movimento femminile in Italia

C’è una lenta crescita del settore, almeno a livello della massima serie arrivano segnali incoraggianti; l’ingresso della Juventus ha dato una svolta al calcio femminile, spero vivamente, a prescindere se sarò o meno ancora in campo che il movimento possa crescere e svilupparsi al meglio anche nei prossimi anni.