SHARE

Le Leprotte forniscono una grande prestazione e per poco non portano a casa il derby, ma alla fine è la Lazio che si aggiudica il match. Al Pala Pertini di Fiano Romano, nell’anticipo dell’ultima giornata di Serie A femminile, le due compagini romane si affrontano senza nulla da perdere e la partita diventa godibile sia nel primo tempo sia nel secondo. Tante le belle notizie per le biancorosse: in primis la doppia cifra raggiunta dal Capocannoniere Neka che chiude a quota undici le reti stagionali e sicuramente l’altra grande notizia è la grande prestazione di Claudia Masini classe 2005 che non solo ha sfoderato tutto il suo repertorio in fase difensiva, ma per poco non arrivava anche alla sua prima rete in A. Entrambe le squadre ricorrono al turnover: fuori Fuhrmann e Bea Martin per le Leprotte e Vanessa, Taninha, Pinheiro e Grieco per la Lazio. La Lazio scappa subito con due gol stupendi entrambi conclusioni da fuori di prima intenzione prima di Balardin e poi di Denise D’Angelo: nulla può D’Amelia fino a quel momento attenta su ogni pallone. La squadra di Mister Chiesa frastornata dall’uno due non si butta giù e trascinata dal proprio Capitano Neka e dall’ex Benvenuto riportano l’incontro in equilibrio sul 2-2. Neka sorprende Mascia all’uno contro uno sotto le gambe, poi Benvenuto dopo neanche un minuto sfrutta una discesa delle sue e pareggia i conti. Ancora il Capitano sigla un gol bellissimo con una giocata delle sue, tocco morbido all’angolino basso, è il vantaggio che manda in visibilio il Pala Pertini. Prima dell’intervallo ancora una deliziosa Neka colpisce un palo con una giocata da urlo su Mascia in uscita, poi nella ripresa escono di nuovo le biancocelesti di Mister Chilelli che deve ricorrere alle totolarissime per lunghi tratti del secondo tempo. Nel migliore momento del Capena quando sembrava in procinto di siglare l’allungo definitivo è Siclari che trova con una tocco sotto porta il 3-3. Tanta sfortuna, ma anche un pizzico di distrazione della difesa biancorossa. Il Capena non ci sta e carica a testa bassa: prima Oliveira e poi Macchiarella sfiorano il nuovo vantaggio. Benvenuto sotto porta si fa parare un gol praticamente già fatto, poi da un calcio d’angolo nasce l’improvviso gol laziale: tiro di Balardin deviazione netta di Masini che brucia D’Amelia sul lato opposto. Le Leprotte non ci stanno e nel finale attaccano con Sara Agnello, l’altra ex di turno, portiere di movimento, ma le speranze di pareggio si infrangono su Mascia, che ferma con un miracolo Oliveira. La Lazio si prende il derby, ma quanti applausi a questo Capena.
Ufficio Stampa
Luca Pellegrini 
Foto Luca Pagliaricci