SHARE

Prima trasferta e in anticipo per l’Italcave Real Statte in quel di San Martino di Lupari contro il Vip Tombolo, su quello che fu il campo della Lupe e il ricordo alle finali di coppa Italia vinte contro la formazione veneta torna forte nella mente delle ioniche. Si gioca di sabato con calcio d’inizio previsto per le 20.00. Adesso l’avversario è un team neo promosso che, all’esordio, è uscita sconfitto per 6-2 contro il Futsal Florentia. Stattesi che, dopo aver passato il secondo turno di coppa Divisione e aver vinto per 6-1 col Bisceglie al Curtivecchi, vogliono proseguire sulla via intrapresa da ormai un mese a questa parte di gare ufficiali. “Arriviamo nelle migliori condizioni possibili e dobbiamo tener alta l’attenzione contro una squadra che vorrà sicuramente iniziare al meglio la sua stagione in casa”. Il pensiero del tecnico, Tony Marzella è chiaro: “viaggio a parte, siamo chiamati a un match dove non solo dobbiamo confermare le buone intenzioni ma si entrerà nella mentalità della massima serie: gare ad alta intensità e cercando di sbagliare il meno possibile”. Giustamente da questo momento in avanti scatterà un altro tipo di stagione: “ogni match nasconderà insidie, dimostrare continuità d’ora in avanti è importantissimo. Insomma da sabato sera mi attendo risposte. Cosa che le ragazze stesse vorranno dare a se stesse”. Settimana più corta con tre elementi che nelle ultime ore sono rientrare dai test a Novarello con l’Italia: Boutimah, Mansueto, Renatinha. Il resto del gruppo, invece, al PalaCurtivecchi. Sempre 14 le ragazze a disposizione del trainer ionico che, inevitabilmente, dovrà fare delle scelte. “Ed è giusto precisare che coloro che stanno bene vanno a referto. Questo roster lungo mi permette di poter fare delle scelte maggiori rispetto al passato. Tutte sono pronte. Ora, sul campo, attendo che diano il massimo per la maglia, per la società e per i tifosi che ci seguiranno in qualche modo anche da lontano”.

Francesco Friuli (Responsabile Comunicazione Italcave Real Statte)
A. Caramia – A. M. Crescenzi