SHARE

Tredicesimo turno di Serie A femminile che potrebbe rappresentare una svolta sia per la zona altissima della classifica che per quella retrocessione: a Firenze domenica nel posticipo domenicale Fiorentina e Milan si giocano una carta importante per rimanere incollate alla Juventus capolista, anche se entrambe hanno una spada di Damocle che pende sulle loro teste, e che riguarda in tutti e due i casi il Bari. Per le Viola si tratta del recupero della partita annullata per errore tecnico dell’arbitro dello scorso dicembre, per il Milan l’8-0 della scorsa settimana è stato messo sub-judice per un preannuncio di reclamo delle biancorosse per una presunta irregolarità nella composizione della distinta di gara da parte delle rossonere. Indubbiamente il rischio meno gravoso è per le ragazze di Cincotta, che tecnicamente sono nettamente superiori al Bari; per il Milan un eventuale accoglimento del ricorso significherebbe partita persa a tavolino. Per quanto riguarda la gara, sicuramente si tratta di una sfida tra due squadre che prediligono attaccare che difendere, ma in questo caso è più probabile che entrambe sceglieranno di non scoprirsi troppo per non prestare il fianco alla velocità delle avanti avversarie. Possibile che questo atteggiamento lo mantenga più il Milan che la Fiorentina, che gioca in casa e che deve “vendicare” la sconfitta patita all’andata.
La Juventus gioca sabato alle 17, quindi in caso di vittoria può sedersi in poltrona e godersi lo spettacolo del “Bozzi”: prima però ci sarà da superare l’ostacolo Florentia, per nulla scontato peraltro vista l’ottima organizzazione di gioco delle toscane. Fronte formazione: Guarino dovrebbe poter riproporre dal primo minuto sia Boattin che Girelli, mentre Carobbi potrebbe confermare l’undici che ben si è comportato sette giorni fa contro l’Hellas.
La Roma ha l’opportunità, nel posticipo di domenica all’ora di pranzo, di prendersi il quarto posto solitario battendo il Tavagnacco: campo molto ostico, ma le giallorosse hanno dimostrato carattere contro il Sassuolo rimontando e vincendo una partita che sembrava ormai persa. Stesso discorso per le friulane, se non ancora più accentuato: sotto di un uomo e di tre gol con l’Orobica, sono riuscite a pareggiare. Assenti per squalifica Cecotti da una parte e Corrado dall’altra.
Sassuolo e Mozzanica si incontrano con una certa tranquillità anche se il desiderio di tornare a fare punti dopo lo stop della scorsa settimana è forte in entrambe le squadre. Favorite le padrone di casa, ma occhio alle bergamasche, squadra imprevedibile. Nel bene e nel male.
L’Orobica ha l’obbligo di andare all’Olivieri di Verona e prendersi i tre punti contro l’Hellas: l’incredibile rimonta subita sette giorni fa contro il Tavagnacco ha lasciato il segno, per cui è necessaria un’impresa per recuperare i punti persi. Il Verona ha una classifica tranquilla dalla sua parte, quindi può cercare di gestire la gara con serenità senza scoprirsi troppo: la partita dovrà per forza di cose farla l’Orobica.
Per certi versi, l’altro match clou è quello di Bitetto fra Bari e Chievo Verona: una partita delicatissima in termini di classifica, con le baresi che non possono più sbagliare e che con una vittoria invischierebbero definitivamente le venete nella lotta per non retrocedere; dall’altra il Chievo ha la possibilità, anche pareggiando tutto sommato, di togliersi un match pericolosissimo dal cammino che porta alla salvezza. Con Bonazzoli le cose sembrano migliorare, anche se i punti non sono ancora arrivati viste le sfide con Milan e Juventus. Ora però per le clivensi serve il cambio di passo.

QUI TUTTI I MATCH LIVE DI SERIE A FEMMINILE

https://www.datasport.it/calcio/femminile-serie-a2018-2019/calendario/13.html