SHARE

Cresciuta tirando calci ad un pallone con i Ragazzi Sprint di Crispiano calcio a 11, è stata scoperta dal ds Ciccio Solito che avuto il fiuto e l’intuizione di portarla a Taranto fecendola crescere come atleta e calcettista.

Talento naturale che ha nell’esplosività e nella velocità i suoi punti di forza, vanta anche esperienze con la selezione azzurra under 16 nonché con la rappresentativa pugliese di calcio a cinque allo scorso torneo delle regioni.

Vetrina della giornata per Federica D’Amico, classe 2001, originaria di Crispiano, nuovo punto di forza dell’organico della Salernitana c5, squadra militante nel campionato di serie A2.

Ciao Federica, una breve descrizione delle tue caratteristiche con punti di forza e limiti da migliorare

Ciao, sono Federica D’Amico, sono un pivot molto veloce e forte fisicamente con dei miglioramenti da approntare sotto il punto di vista tecnico.

A chi ti ispiri come calciatrice?

Il mio idolo è da sempre stata Maria Caramia, una mia compagna di squadra da cui penso di aver imparato molto dal punto di vista calcistico e non, mi ha aiutata molto duramente il mio percorso sul campo, penso che senza di lei adesso non avrei determinati modi di pensare e di giocare.
Se vogliamo pensare in grande poi, penso di ispirarmi al grande Paulo Dybala, la cui tecnica è qualcosa di fenomenale.

Cosa ti ha spinto ad accettare la proposta della Salernitana?

La proposta della Salernitana è stata da subito una richiesta da accogliere, mi ha molto colpita il loro progetto, l’intraprendenza che hanno avuto, partendo dallo staff fino ad arrivare alle ragazze e alla società, già da subito mi hanno fatta sentire una di loro.

Quali i ricordi più belli della tua esperienza nella Corim Taranto?

Con la Corim sono stati sicuramente 3 anni indimenticabili, per diversi fattori penso che l’ultimo sia stato quello da incorniciare, dove ho fatto la mia prima esperienza in A2.
Uno dei ricordi più belli è la finale playout contro il Reggio Calabria, quella partita era il “dentro o fuori”, ebbene sì, quel giorno raggiungemmo la salvezza nonché la permanenza in A2.

Prospettive ed obiettivi per la prossima stagione

Per questa nuova stagione voglio crescere e migliorarmi su tutti i punti di vista, sarà un esperienza unica, sicuramente non sarà facile ma è quello che voglio, sono determinata e molto contenta di vestire la maglia granata.
La società punta molto su di me e io sono pronta a fare del mio meglio.