SHARE
Biancamaria Codecà - Credit Riozzese

Ciao Biancamaria, una tua breve presentazione (anni, ruolo,…)

Mi chiamo Biancamaria, ho 26 anni, vivo a Vigevano in provincia di Pavia e sono un attaccante.

Quando hai iniziato a giocare a calcio? Quali sono le tue esperienze in carriera?

Ho iniziato a giocare a calcio all’età di 6 anni per poi smettere a 11. Ho cambiato sport giocando per diversi anni a basket. A 23 anni ho ricominciato calcio, che è sempre stata la mia più grande passione, nel Mortara (Serie D) l’anno successivo mi sono spostata nel Gropello (Serie C, ora campionato d’eccellenza) l’anno dopo nel Mozzanica in Serie A per poi a dicembre arrivare alla Riozzese dove gioco attualmente.

A chi ti ispiri? Chi è il tuo idolo? 

Ill mio idolo è Cristiano Ronaldo, un giocatore completo che lavora sempre duramente per raggiungere tutti i suoi obiettivi.

Finora qual è stato il tuo più bel momento da calciatrice? 

I miei più bei momenti da calciatrice posso dire che sono stati 2: il gol in Serie A con il Mozzanica e poi la vittoria della Coppa Italia con la Riozzese contro il Napoli. Li ho vissuti con una forte emozione che porterò sempre con me.

Qual è secondo te l’attaccante italiana più forte? 

Secondo me l’attaccante italiana più forte è Barbara Bonansea.

Come ti trovi alla Riozzese? 

Alla Riozzese mi trovo davvero bene, è una società seria, abbiamo creato un bel gruppo, è questa la nostra forza. Mi sento a casa qui.

Hai segnato 3 reti in due gare, qual è il tuo obiettivo per questa stagione? E qual è l’obiettivo del tuo club?

Il nostro obiettivo quest’anno è quello di dimostrare quanto valiamo pur essendo una neopromossa e di dare del filo da torcere a qualsiasi squadra ci troviamo ad affrontare. Per quanto riguarda il mio obiettivo personale è sicuramente quello di dare una mano alla mia squadra e di continuare a segnare, questo è quello che spero.

Cosa sogni nel tuo futuro?

Come per ogni ragazza che pratica questo sport credo che il sogno più grande sia quello di indossare la maglia della Nazionale.