SHARE

Calciatrice polivalente, capace di ricoprire con disinvoltura la mediana o la parte arretrata del campo, si è riscattata nel migliore dei modi in questa stagione dopo un lungo periodo di assenza forzata dai campi di gioco.

Reduce infatti da un lungo infortunio, ha ricambiato la fiducia della società capitolina con prestazioni di alto livello che hanno contribuito alla conquista del “double”.

Omaggio a Carolina Antonucci, classe 1988, calciatrice di lunga esperienza in forza alla Res Women, sempre in lotta tra dolori e acciacchi vari per il bene della squadra.

Ciao Carolina, per iniziare una tua breve presentazione

Ciao, sono Carolina Antonucci, ho 30 anni e sono una centrocampista o difensore centrale; mi sono adattata in entrambi i ruoli in questa stagione, giocando l’ultima parte della stagione nella retroguardia.

L’infortunio al ginocchio

Nella scorsa stagione ho militato nel Real Colombo ma un grave infortunio al ginocchio ne ha pesantemente condizionato la stagione, non riuscendo a giocare neanche una partita. Probabilmente il mio apporto non sarebbe comunque servito ad evitare la retrocessione della squadra ma resta il rammarico di non aver dato l’apporto sperato alla società.

Ho ripreso ad allenarmi la scorsa estate, tornando in campo dopo una lunga assenza durata circa un anno.

La soddisfazione piu’ grande della stagione

Per una questione prettamente temporale mi ha dato più soddisfazione vincere il campionato, essendo arrivata prima della conquista della Coppa, a coronamento di una stagione lunga e sofferta.

La dedica per la conquista del “double”

Ringrazio in primis la società che mi ha dato fiducia, nonostante provenissi da un lungo periodo di assenza dai campi, è stata una gioia autentica far parte di questo gruppo vincente.

Prospettive per il futuro

Il mio fisico purtroppo non sta rispondendo nel migliore dei modi alle fatiche di gioco, ho terminato con ulteriori acciacchi, mi spiace non poter essere continua e costante, meno mi alleno e più aumentano i dolori, questo mi condiziona mentalmente. Valuterò con calma se sarò in grado di disputare la fase nazionale o comunque di affrontare una nuova stagione agonistica.

Foto Fabio Cittadini