Real Meda, Costanza Molteni : “La mia unica fede è indossare questa maglia”

Cresciuta come centrocampista centrale, nel corso del tempo è stata reinventata come esterno d’attacco, posizione del campo nel quale riesce ad esprimersi al meglio, esaltando le sue caratteristiche.

Prodotto del vivaio brianzolo, ha percorso tutta la trafila, consacrandoci in questa stagione in prima squadra dove ha realizzato finora due reti (Caprera e Speranza Agrate).

Alla scoperta di Costanza Molteni, classe 199, esterno d’attacco del Real Meda, squadra lombarda, attualmente seconda in classifica nel girone A di serie C.

Ciao Costanza, per iniziare una breve descrizione del tuo ruolo

“Fino ai 16 anni circa ho giocato come centrocampista centrale, prima di ricoprire il ruolo di esterna d’attacco; quest’ultima è certamente la posizione che preferisco in quanto favorisce l’uno contro uno e gli inserimenti, caratteristiche che sono due dei miei maggiori punti di forza”. 

Esperienze pregresse in carriera

“Dall’età di 10 anni ad oggi ho solo una fede, il Real meda; ho percorso tutta la regolare trafila dalle giovanili alla prima squadra e poso dire con certezza che ho la fortuna di appartenere ad una società che ti insegna molti valori, uno tra tutti la capacità di condividere uno spogliatoio ed essere uniti verso un’unica direzione”.

Le persone che ti hanno sostenuto nel percorso

“Prima di tutto la mia famiglia che mi ha sempre aiutato ed è sempre stata sostenitrice delle mie decisioni, in particolare i miei due fratelli maggiori; allo stesso tempo l’altra mia seconda famiglia, le mie compagne di calcio, con cui ho un rapporto speciale, sia dentro che fuori dal campo; devo inoltre sicuramente ringraziare tutti i mister che ho incontrato durante il mio percorso calcistico, figure fondamentali nell’insegnarmi a lottare sempre per raggiungere gli obiettivi sia di gruppo che individuali”.

I ricordi più belli finora vissuti

“Essere la bandiera di questa squadra rappresenta per me un motivo di orgoglio e un forte senso di rappresentanza; ricordo con molto piacere la mia prima apparizione in prima squadra con l’Inter e la soddisfazione di bagnare l’esordio con una rete e una vittoria storica contro le nerazzurre”.

La ripresa del torneo

“Siamo tornate da poco ad allenarci in presenza, stiamo ultimando questa lunga ed anomala fase di preparazione in vista del ritorno in campo nella sfida ostica con le Azalee, avversario da sempre rognoso e difficile da affrontare”.

Obiettivi stagionali

“Siamo partite con l’obiettivo di vincere il campionato, consapevoli delle nostre capacità e della nostra forza; sono diversi anni che lottiamo per il vertice, daremo il massimo per poter raggiungere il traguardo auspicato; il girone appare equilibrato, non ci sono squadre favorite ma ogni gara presente delle insidie con qualunque avversario; abbiamo una rosa molto valida arricchita da nuovi innesti dalla Primavera ed acquisti di qualità come Longoni e Longo, pur consapevoli che la forza del collettivo resta comunque il nostro valore aggiunto da cui partire per costruire e raggiungere i risultati”.