SHARE

Gomez e Intini: È un onore indossare questa fascia con una storia alle spalle

 

 

Domenica 15 settembre, la puroBIO Noci farà il suo esordio a Molfetta in Coppa Divisione. A trascinare le biancoverdi in serie A sarà un nuovo capitano che raccoglierà l’eredità di Angelica Tinelli, bandiera storica della squadra.

 

In questa stagione, mister Massimo Monopoli ha scelto di affidare la fascia ad una giocatrice di esperienza come Pia Gomez che commenta così: Essere il capitano di questa squadra è una grandissima responsabilità e qui a Noci lo è ancor di più dato che per dieci anni questa fascia è sempre stata sullo stesso braccio. È per me un onore succedere ad Angelica e Vania perché loro sono la storia e l’anima di questa squadra. L’argentina, che per il secondo anno vestirà i colori del Noci, avrà il compito di guidare le sue compagne in questa nuova avventura e ha già le idee chiare: Le sensazioni sono buone, con la consapevolezza che c’è tanto da lavorare e sarà un campionato lungo e difficile. Dovremo essere squadra e aver ben chiari gli obiettivi della società. Sono fiduciosa. Spero che sia una stagione ricca di soddisfazioni. Per questa squadra è la prima esperienza in Serie A e speriamo di onorarla al meglio. Sempre forza Noci.

 

Ad affiancare Pia Gomez sarà il vice capitano Antonella Intini che raccoglierà, invece, l’eredità di Vania Sportelli. Un compito che la nocese ha accettato con grande entusiasmo come spiega: Ho accolto la scelta del mister con sorpresa e infinito orgoglio. Spero di trasmettere alle mie compagne il piacere del lavoro e del sacrificio, come hanno sempre fatto e continuano a fare Angelica e Vania, vere bandiere di questa squadra. Intini, che è al suo secondo anno con la maglia della puroBIO e al debutto in serie A, parla così del campionato oramai alle porte: Personalmente affronterò questa stagione con la consapevolezza che ho davvero tanto da imparare e davvero poco da perdere. Queste sono esperienze che vanno affrontate con il massimo della positività e voglia di mettersi alla prova. Per quanto riguarda la squadra, invece, si è formato un bel gruppo ma l’unione non basta se non si ha ben presente in che direzione si deve remare. È importante avere un obiettivo comune e penso che, con il tempo e la costanza, tutte insieme guarderemo presto in un’unica direzione.

 

Ufficio stampa puroBIO Noci

Pasquale Miccolis