SHARE

Vittoria convincente per la Primavera del Chievo Verona Valpo, che ieri tra le mura amiche del Bottagisio si è imposta per 2-1 sulle pari età del Lady Granata Cittadella. Le gialloblù hanno restituito al proprio tecnico Veronica Brutti delle indicazioni confortanti, legittimando un match equilibrato grazie agli acuti di Nefertiti Spanò e di Silvia Bonenti. La squadra continuerà a lavorare settimanalmente per trovare la giusta quadra in vista dell’esordio in campionato, ma le sensazioni che aleggiano sopra lo spogliatoio veronese sono globalmente positive. «È stata una gara bilanciata, caratterizzata da occasioni per ambo le parti – commenta mister Brutti – nonostante la vittoria, la strada davanti a noi è ancora molto lunga e dovremo lavorare molto su ogni aspetto del gioco: da quello tattico a quello tecnico, fisico e psicologico. Dobbiamo prendere confidenza con la partita, perché, si sa, i novanta minuti non sono mai paragonabili all’allenamento». La neo allenatrice clivense è passata poi ad analizzare il gioco prodotto dalla squadra, fissando l’obiettivo più impellente: crescere a livello di condizione fisica. «Ho osservato delle belle giocate ed in generale molto impegno, ma dobbiamo sempre tenere presente il tipo di campionato che andremo ad affrontare. La Primavera è infatti un torneo estremamente complicato e credo che la nostra condizione sia ancora troppo distante rispetto agli standard che si è prefissata la squadra ed in particolare le singole giocatrici. Per crescere, dobbiamo continuare a lavorare».

 

Questa la distinta del ChievoVerona Valpo: 1 Sargenti, 2 Maffei, 3 Olivini, 4 Zappa, 5 Rizzioli, 6 Mombelli, 7 Bonenti, 8 Volpato, 9 Micheli, 10 Zoppi, 11 Spanò, 12 Rancan, 13 Zanardo, 16 Lonati, 17 Piccirillo

 

Photo credit: Maurizio Piatti

Ufficio Stampa e Comunicazione

ChievoVerona Valpo SSD