SHARE

Dopo aver iniziato la carriera agonistica nel nuoto ha trovato la giusta collocazione nel calcio, iniziando il proprio percorso nel Mestre, crescendo nel Venezia fino ad arrivare due stagioni orsono nelle fila del Padova.

Protagonista di una stagione ad alto livello, sta contribuendo con le sue prestazioni al buon campionato della rinnovata e giovane squadra veneta, terza in classifica nel girone B del campionato di serie C, reduce da ben 7 vittorie nelle ultime 8 gare disputate.

Vetrina della giornata per l’attaccante Alice Costantini, classe 1999, seconda punta dotata di grande tecnica e velocità, autrice di due reti in stagione, punto di riferimento, al centro del gioco dell’ambizioso progetto della squadra biancoscudata.

Ciao Alice, come è nata la tua passione per il calcio ?

Ho iniziato a praticare sport a livello agonistico cimentandomi nel nuoto dove ho ottenuto soddisfacenti risultati a livello regionale, ma sin da piccola avvertivo una maggiore predisposizione per il calcio, andando a giocare in Calle con i maschietti; all’età di 10 anni, dopo essere riuscita a vincere le resistenze di mia madre mi sono aggregata alla squadra femminile del Venezia dove ho incominciato il mio percorso.

La tua carriera agonistica

Sono cresciuta nel Mestre, a seguire sono approdata al Venezia dove sono stata per cinque stagioni, prima di militare nel Montecchio e da due annate nel Padova.

Il campionato del Padova

Dopo un inizio in salita dove abbiamo subito tre sconfitte di fila, la squadra ha trovato la giusta amalgama, riuscendo a ricompattarsi, trovando consapevolezza nei propri mezzi, fino a vincere le ultime quattro gare consecutivamente, sette delle ultime otto disputate; abbiamo pagato ad inizio stagione lo scotto di essere una squadra giovane e ampiamente rinnovata, occorreva tempo per trovare la giusta quadratura.

Gli obiettivi stagionali

Non ci poniamo obiettivi nel corso della stagione, giocando ogni partita come se fosse una finale; sette punti dalla capolista Vicenza possono sembrare tanti sulla carta, il recupero è sicuramente difficile ma non impossibile.

La squadra favorita alla vittoria del girone

Vista la classifica, non c’è alcuna squadra che può ritenersi certa di vincere il girone; il Vicenza ha un buon margine di vantaggio ma avendola affrontata all’andata, abbiamo il rammarico di aver sprecato diverse occasioni da rete, mancando il risultato.

Le tue ambizioni a livello personale

Mi ripropongo di mettere a segno qualche goal in più, più che altro per portare a casa punti preziosi per la squadra, occorre ragionare in termini di gruppo, anteponendo l’interesse comune della squadra all’esigenza del singolo.

La vittoria nel derby con il Venezia

Vincere il derby con la squadra della mia città è stato alquanto particolare; da veneziana, è stata una partita molto sentita, fa un po’ strano giocare contro i colori della società che ti ha lanciato e alla quale sei riconoscente ma in questo momento indosso ed onoro i colori del Padova.

La prossima gara con il Brixen

La gara con il Brixen ci permetterebbe perlomeno di agganciare il terzo posto in classifica; la stiamo preparando bene, consapevoli che affrontare una squadra di vertice o di bassa classifica è indifferente, occorre sempre approcciarci nel migliore di modi all’incontro, evitando cali di concentrazione, consapevoli che nel calcio non si può mai dire sia finita finchè non fischia l’arbitro.