SHARE
Spagna-Italia u19

A dieci giorni dalla prima giornata di campionato e ad un mese dall’inizio delle qualificazioni verso i prossimi Europei di categoria, le Azzurrine della Nazionale Femminile u19 hanno giocato una doppia amichevole contro la Spagna, vincitrice del Mondiale u17 nel 2018.

Nella prima gara le spagnole partono fortissimo ed al 10’ conducono già per 1-0 grazie al gol di Eva Alonso. Le padrone di casa raddoppiano al 39’ con Ainhoa Marin, ma in chiusura di primo tempo Asia Bragonzi accorcia le distanze. Nel secondo tempo il punteggio rimane invariato. Finisce così 2-1 per la Spagna, capace di chiudere la partita nel primo tempo e contenere gli attacchi delle Azzurrine, autrici di una buona prova contro una nazionale molto più blasonata. Mister Sbardella al termine della gara si dichiara soddisfatto; sottolineando la scarsa forma di cui godono le calciatrici e le qualità tecniche delle avversarie, afferma che la strada intrapresa è quella giusta.

Due giorni dopo però avviene l’inevitabile crollo. Complici la condizione non ottimale, il caldo e la netta superiorità delle spagnole, dopo un buon primo tempo chiuso sullo 0-0 le padroni di casa salgono in cattedra e chiudono con un 5-0 la seconda amichevole. A difesa delle Azzurrine interviene nuovamente mister Sbardella, convinto che il calo del secondo tempo sia stato una semplice conseguenza della scarsa condizione atletica.

La nostra Nazionale u19 torna così dalla trasferta spagnola con un 7-1 complessivo e più ombre che luci; è accettabile pensare che la scarsa condizione abbia inciso, ma fra un mese inizieranno le qualificazioni ed allora non ci saranno più scusanti. L’Italia ospiterà in Toscana le prime tre partite del girone di qualificazione: si comincerà il 2 ottobre contro l’Estonia, a cui seguiranno le gare contro le pari età di Slovenia e Russia. Le basi ci sono e le avversarie saranno alla portata delle Azzurrine, ma la sensazione è che mister Sbardella avrà molto su cui lavorare.