SHARE

Il Napoli guidato da Pistolesi resta in serie A grazie al pari con la Roma, ma soprattutto alla sconfitta casalinga del San Marino contro la Fiorentina (1-2), con le partenopee che si salvano con un +2 proprio sulle titane di Conte che saluta la A ed il San Marino. Un autentico miracolo quello del tecnico toscano che in pochi mesi ha portato una squadra dall’ultimo posto al terzultimo con 143 punti guadagnati nel girone di ritorno. Napoli senza le centrali di difesa Di Marino e Huynh, assenti per squalifica; Bavagnoli lascia Giugliano e Serturini in panchina.

Pronti via, con la Roma, finalista di Coppa Italia , subito pericolosa al 18’ su piazzato da posizione defilata di Andressa Alves che si stampa sulla traversa: è il preludio al vantaggio giallorosso con Linari che , sugli sviluppi di un corner, si fa trovare sul secondo palo per infilare col piattone l’incolpevole Perez per il vantaggio ospite (0-1). Dopo 8’, sempre la Roma con Linari su punizione ma Perez si fa trovare pronta, bloccando la sfera in due tempi. Al 41’, corner di Alves, con la palla tesa per la testa di Thomas che colpisce forte e centrale, provvidenziale il salvataggio quasi sulla linea di Cameron.

La ripresa è di marca partenopea: all’8’, Goldoni su punizione calcia centrale con Ceasar che alza sopra la traversa. Al 15’, sul momento migliore per le locali, raddoppia la Roma con Thomas: è 0-2. Ma dopo 5’, il Napoli accorcia immediatamente le distanze, con la neo-entrata Rijsdijk su azione iniziata da Cafferata (1-2). Al 46’, fallo di Corelli su Cafferata in area romana con il direttore di gara che assegna il penalty capitalizzato da Huchet che trafigge Ceasar dagli undici metri per il pari del Napoli (2-2) e per il suo settimo sigillo personale. Dopo appena sessanta secondi dal nuovo pari del Napoli, la Roma ha l’occasione di riportarsi nuovamente in vantaggio e chiudere il match a suo favore, ma Perez ipnotizza Giugliano dal dischetto, dopo il fallo di mano commesso da Goldoni nell’area piccola sulla conclusione in area di Corelli.

Termina 2-2, col Napoli salvo e con la Roma al quinto posto e con una finale di coppa domenica prossima contro il Milan.