SHARE

Al “Caduti di Brema”, il Napoli Femminile, dopo ben cinque mesi, conquista il primo successo stagionale in campionato ed anche il primo per Alessandro Pistolesi da quando è alla guida del sodalizio partenopeo, dopo l’esordio con sconfitta a Roma (3-2).

Match caratterizzato dal forte vento e dalla pioggia che appare e scompare, col Napoli che al minuto numero otto, si rende pericoloso con Hjohlman ma per il Bari è Marrone a salvare. Dopo 2’, scambio tra Goldoni e Popadinova, con Hjohlman che non chiude a rete la triangolazione palla a terra. Al quarto d’ora, le ospiti si svegliano con Weston  con una conclusione dalla distanza e dopo 2’ di gioco ancora con Helmvall prima e successivamente con Piro con un gran tiro dalla distanza a sorprendere la numero uno di casa Perez uscita un po’ troppo dalla propria area di pertinenza. Al 23’, break delle azzurre con Rijsdijk che calcia di poco alto sopra la traversa. Dopo 3’, ci prova ancora Hjohlman dal lato di sinistra ma respinge Mylloyoja, la numero uno delle pugliesi. Al 29’, capitan Huchet carica dalla distanza ma senza sortire nessun pericolo. Al 45’, ultimo tentativo per le locali ancora con Rijsdijk ma la conclusione è centrale con il doppio fischio finale che manda le squadre all’intervallo.

Nella ripresa, è l’8’ quando il Napoli schioda il match con la rete della bulgara Popadinova (terza consecutiva) con una bordata  sotto la traversa dopo l’assist di Goldoni: è 1-0 per le partenopee ed esplode la gioia. Al 15’, un Napoli più consapevole anche grazie al vantaggio gioc senza rischiare troppo dalla parti di Perez ed al 15’ Errico cerca il raddoppio. Al 18’, Huchet ci prova da quaranta metri ma nessuna difficoltà per Myllyoja. Dopo 1’ di gioco, entra Nocchi per Rjsdijk. Al 35’, continua il monologo delle padrone di casa con Goldoni che prova il tiro che viene smorzato dalla retroguardia della Pink. Ad otto minuti dal termine, due rossi diretti sia per Nocchi che per Weston. Nei cinque di recupero, capitan Huchet ha il sinistro per chiudere il match, con la sfida che termina a favore del sodalizio campano. Per il Bari è notte fonda con una retrocessione ormai imminente, manca solo la matematica. Prossima sfida, la trasferta di Firenze.