SHARE
Mondiale femminile
La Cina col pareggio per 0-0 contro la Spagna può festeggiare il passaggio del turno come una delle migliori terze

Si chiude il quadro dei primi due gironi di questo Mondiale femminile: si qualificano direttamente Germania, Spagna, Francia e Norvegia, mentre la Cina è già certa di essere una delle quattro migliori terze con la Nigeria che invece dovrà attendere la fine della fase preliminare per la stesura della classifica delle ripescate.

Oggi si torna in campo per il gruppo C, quello delle Azzurre, che affronteranno alle 21 il Brasile: alle ragazze di Bertolini basta il pareggio per qualificarsi come prima; in contemporanea Giamaica-Australia.

Mondiale femminile: Sudafrica-Germania 0-4

Partita a senso unico per le ragazze di Voss-Tecklenburg che chiudono la prima fase del Mondiale femminile a punteggio pieno e questa volta la vittoria non è stata di misura come nelle due precedenti gare contro Cina e Spagna. Già alla fine del primo tempo le teutoniche conducevano 3-0: dopo solo 14 minuti è arrivata la rete di Leupolz, che ha insaccato di testa su assist da calcio d’angolo, seguita da quella di Dabritz che ha sfruttato un errore del portiere avversario realizzando un tap-in vincente. Prima del duplice fischio è arrivata un’altra rete di testa di Popp. Al 58′ poker di Magull, che ha raccolto la ribattuta del palo dopo la deviazione del portiere su un precedente tiro. Poi la Germania ha cercato di contenere il match e la Ct Voss-Tecklenburg ha fatto riposare qualche titolare in vista degli ottavi inserendo forze fresche. Per le Bayana Bayana il mondiale finisce qui con zero punti in tre gare e un solo goal segnato contro la Spagna.

Il tabellino di Sudafrica-Germania 0-4
Sudafrica:
Dlamini, Ramalepe, Van Wyk, Matlou, Vilakazi, Mthandi (46′ Kgatlana), Biyana (90′ Smeda), Makhabane, Jane, Ndimeni, Fulutudilu (46′ Mulaudzi). A disposizione: Mpuru, Dhlamini, Motlhalo, Seoposenwe, Mbane, Makhubela, Gamede, Swart, Holweni. Ct: Ellis
Germania: Schult, Gwinn, Doorsoun, Hegering, Schweers (46′ Simon), Huth (60′ Dallmann), Leupolz, Magull, Daebritz, Popp, Buehl (67′ Schueller). A disposizione: Hendrich, Maier, Oberdorf, Goessling, Benkhart, Elsig, Frohms, Knaak. Ct: Voss-Tecklenburg
Arbitro: Braz Bastos (Portogallo)
Reti: 14′ Leupolz, 29′ Daebritz, 40′ Popp, 58′ Magull
Note: Ammonite Ramalepe, Magull, Vilakazi, Mulaudzi. Spettatori 15502

 

Mondiale femminile: Cina-Spagna 0-0

Finisce con un pareggio a reti bianche che sta bene a entrambe le squadre, che giungono appaiate alla conclusione della prima fase del Mondiale femminile conquistando i 4 punti necessari alla qualificazione matematica, tutto grazie alla situazione identica nei gruppi E/F con le ultime due squadre a zero punti e un solo match da disputare. Partita con poche emozioni, dove la Spagna ha creato di più: nel primo tempo un insidioso colpo di testa di Hermoso ha dovuto impegnare non poco Shimeng, e nella ripresa sempre Shimeng si è resa protagonista nel neutralizzare due tiri dalla distanza di Guijarro portando la sua nazionale a classificarsi come migliore terza, mentre è secondo posto per le iberiche.

Il tabellino di Cina-Spagna 0-0
Cina:
Peng Shimeng, Han Peng, Wu Haiyan, Lin Yuping, Liu Shanshan, Wang Shuang (56′ Li Wen), Zhang Rui, Wang Yan, Gu Yasha (87′ Yao Wei), Wang Shanshan (46′ Li), Li Ying. A disposizione: Xu Huan, Lou Jiahui, Li Jiayue, Wang Ying, Song Duan, Bi Xiaolin, Tan Ruyin, Luo Guiping, Liu Yanqiu. Ct: Jia Xiuquan
Spagna: Panos, Corredera, Paredes, Leon, Ouhabi, L.Garcia (86′ Jimenez), Guijarro, Torrecilla, Mariona (46′  Falcon), Hermoso, N.Garcia (67′ Putellas). A disposizione: Gallardo, Andres, Losada, Torrejon, Meseguer, Bonmati, Sampedro, Pereira, Quinones. Ct: Vilda
Arbitro: Alves Batista (Brasile)
Note: Ammonita Li Wen. Spettatori 11814

 

Mondiale femminile: Nigeria-Francia 0-1

Partita tattica nel primo tempo con la Francia che spinge sulla retroguardia africana senza successo: solo Asseyi e Henry hanno due occasioni su calcio d’angolo ma non riescono a cogliere il bersaglio. Nella ripresa il match continua sulla stessa linea, con una Nigeria sempre più arroccata in difesa. L’episodio chiave al 79′ con un calcio di rigore assegnato alle transalpine su segnalazione del Var e conseguente espulsione di Ebere per doppia ammonizione. Si incarica della battuta Renard che sbaglia la conclusione, ma un nuovo intervento del Var fa ripetere il rigore a causa dell’uscita troppo anticipata del portiere africano (come successo in Italia-Giamaica) tra le accese proteste delle nigeriane. Al secondo tentativo il capitano transalpino trasforma con facilità realizzando il goal partita. Ci sarà un lunghissimo recupero (8 minuti) ma le africane non riescono a reagire.
La Francia così passa il turno del Mondiale femminile a punteggio pieno mentre la Nigeria si classifica terza con 3 punti e una differenza reti di -2 che rende incerto il ripescaggio tra le migliori terze e nella migliore delle ipotesi sarà priva di Ebere squalificata e con Oshoala in forte dubbio per un infortunio alla coscia che l’ha costretta ad uscire a pochi minuti dalla fine.

Il tabellino di Nigeria-Francia 0-1
Nigeria:
Nnadozie, Okeke, Ebi, Ohale, Ebere, Ayinde, Okobi, Chikwelu, Ordega (84′ Nwabuoku), Oshoala (85′ Imo), Oparanozie (90′ Kanu). A disposizione: Oluehi, Okoronkwo, Uchendu, Ajibade, Ihezuo, Jonathan, Ogebe, Chukwudi. Ct: Dennerby
Francia: Bouhaddi, Perisset, M’Bock Bathy, Renard, Majri, Henry, Thiney (89′ Geyoro), Bilbault, Cascarino (62′ Le Sommer), Gauvin (63′ Diani), Asseyi. A disposizione: Durand, Torrent, Tounkara, Karchaoui, Laurent, Bussaglia, Peyraud-Magnin, Debever, Clemaron. Ct: Diacre
Arbitro: Borjas Pastrana (Honduras)
Rete: 79′ rig.Renard
Note: Ammonite Ebere, Gauvin, Nnadozie, Chikwelu. Espulsa Ebere al 75′ per doppia ammonizione. Spettatori 28267

 

Mondiale femminile: Corea del Sud-Norvegia 1-2

Nonostante la buona gara disputata la Corea non riesce nemmeno a pareggiare a causa di pochi errori ma fatali. La partita si sblocca subito grazie all’ingenuità di Cho che commette un fallo in area facendo assegnare la massima punizione a favore delle scandinave. Dal dischetto Hansen calcia forte e a fil di palo portando in vantaggio la propria compagine. Le asiatiche reagiscono ma non riescono a concretizzare in due occasioni con Moon e Yeo.
Alla ripresa un altro fallo in area decreta un nuovo calcio di rigore a favore della Norvegia: questa volta Herlovsen si fa carico della battuta realizzando il 2-0. Nel finale gran goal delle asiatiche: colpo di tacco di Lee Gueum-Min a servire Yeo Min-Ji che realizza davanti alla porta nonostante il disturbo di un’avversaria. Allo scadere un grande intervento di Hjelmset che salva la Norvegia dal pareggio condannando così le avversarie al ritorno a casa.
Norvegia classificata alla fase successiva del Mondiale femminile dietro alla Francia, grazie ai 6 punti ottenuti in questo girone, ma l’esultanza è frenata dalla preoccupazione per l’infortunio di Graham Hensen, anche se in serata lo staff medico si è dichiarato ottimista sulla sua condizione. Nulla da fare per la Corea del Sud che nonostante la prova di orgoglio di oggi è uscita da questo mondiale chiudendo il raggruppamento senza punti.

Il tabellino di Corea del Sud-Norvegia 1-2
Corea del Sud:
Minjung, Eunmi (79′ Yeonga), Damyeong, Doyeon, Selgi, Chaerim (66′ Mina), Soyun, Sohyun, Geummin, Minji, Mira (82′ Yumi). A disposizione: Gaae, H.Boram, Seonjoo, Seolbin, Youngju, Sodam, Hyeri, J.Boram, Hwayeon. Ct: Dukyeo
Norvegia: Hjelmseth, Moe Wold, Mjelde, Thorisdottir, Minde, Graham Hansen (54′ Maanum), Boe Risa, Engen, Reiten, Utland (46′ Saevik), Herlovsen (69′ Thorsnes). A disposizione: Hovland, Skinnes Hansen, Fiskerstrand, Asland, Eikeland, Kvamme, Nautnes, Bogstad. Ct: Sjogren
Arbitro: Beaudoin (Canada)
Reti: 5′ rig.Graham Hanse, 51′ rig.Herlovsen, 78′ Yeo Minji
Note: Ammonite Sohyun, Minji. Spettatori 13034