24/05/2024

Focus sul gruppo “E” di questo Mondiale 2019 composto da Canada 5° potenza nel Ranking Fifa, Olanda, Nuova Zelanda e Camerun che ricoprono rispettivamente l’8o, il 19o e il 46o posto. I pronostici vedono Canada e Olanda appaiati nella corsa per la vittoria del girone, mentre per il terzo posto sarà lotta aperta tra le oceaniche e le africane.

Canada

Le Canadesi hanno ottenuto la qualificazione grazie al secondo posto ottenuto in CONCACAF Women’s Championship 2018, perdendo in finale contro gli Stati Uniti. Solo una giocatrice milita in un club canadese, mentre le restanti 22 in club europei e statunitensi.
La giocatrice di rilievo della nazionale del paese della foglia d’acero è l’attaccante Christine Margaret Sinclair, nonché capitano. Milita nel Portland Thorns FC, è stata sette volte giocatrice dell’anno nel suo paese e 5 volte per la FIFA, è stata inoltre insignita del titolo di Ufficiale dell’Ordine del Canada ed è apparsa in copertina nel videogame FIFA 2016 assieme al grande Leo Messi, 281 presenze in nazionale e 181 goal, oggi 35enne è al suo quarto mondiale. E’ giusto citare anche Adriana Leon 26enne attaccante del West Ham e capocannoniere della squadra nelle qualificazioni con 5 reti, l’altro attaccante del City Janine Beckie (24 anni), il difensore del Lione Kadeisha Buchanan (23anni) e Sofie Schmidt (30 anni) altro centrocampista d’esperienza degli Huston Dash.
La squadra è guidata dall’inizio del 2018 dal 48enne danese Kenneth Heiner Moller. Ha abbandonato il calcio giocato a 30 anni a causa di un brutto infortunio ed è stato allenatore di Brondby e Danimarca femminili.
La lista delle convocate del Canada
1 Labbe, 2 Chapman, 3 Buchanan, 4 Zadorsky, 5 Quinn, 6 Rose, 7 Grosso, 8 Riviere, 9 Huitema, 10 Lawrence, 11 Scott, 12 Sinclair, 13 Schmidt, 14 Carle, 15 Prince, 16 Beckie, 17 Fleming, 18 Sheridan, 19 Leon, 20 Woeller, 21 D’Angelo, 22 Agnew, 23 Hellstrom

Olanda

Il team “Oranje” o delle “Leeuwinnen” ovvero “L’Arancione” o “Le Leonesse” ha avuto un percorso molto complicato prima di raggiungere la qualificazione: classificatesi seconde nel Gruppo 3 dietro alla Norvegia, hanno dovuto disputare un doppio spareggio contro Danimarca e Svizzera, imponendosi per 4-1 in entrambi i casi. La Danimarca sarà un’altra assente nobile in questo mondiale.
Le Leeuwinnen sono campionesse europee in carica, la maggior parte delle ragazze gioca all’estero in squadre europee, le restanti “casalinghe” quasi tutte nell’Ajax, questa rosa è densa di calciatrici di qualità, tra cui spicca l’attaccante 22enne dell’Arsenal, Vivianne Mediema, già 74 presenze e 57 goal alla sua giovane età in maglia “Oranje”. Citiamo anche Lieke Martens altra attaccante blaugrana classe ’92, 102 presenze e 42 goal, è stata eletta “The Best FIFA Women’s Player 2017” dopo aver vinto il titolo europeo; poi c’è Shanice van de Sanden, 26enne del Lione che probabilmente formerà il tridente d’oro assieme alle altre atlete appena citate, quest’ultima però è insidiata dall’astro nascente 22enne del Twente, Lineth Beernsteyn, capocannoniere nelle qualificazioni con 5 centri. Vale la pena citare anche il difensore Dominique Bloodworth e le centrocampiste Danielle Van Donk, Jackie Groenen e Sherida Spitse, ma la lista sarebbe ancora lunga.
In panchina siede dal 2016 la quasi 50enne Sarina Wiegman, con passato da centrocampista e difensore, è stata lei quindi a guidare l’Olanda alla vittoria di Euro 2017.
La lista delle convocate dell’Olanda
1 Van Veenendal, 2 Van Lunteren, 3 De Gragt, 4 Van Dongen, 5 Van Es, 6 Dekker, 7 Van de Sanden, 8 Spitse, 9 Miedema, 10 Van de Donk, 11 Martens, 12 Pelova, 13 Jansen, 14 Groenen, 15 Kaagman, 16 Kop, 17 Jansen, 18 Kerkdijk, 19 Roord, 20 Bloodworth, 21 Beerensteyn, 22 Van der Most, 23 Geurts

Nuova Zelanda
La foglia di felce è il simbolo di questo paese, che nella leggenda Maori rappresentava la forza, (ci sarebbe da parlare a lungo delle origini di questo simbolo e dei suoi molteplici significati), e per questo la nazionale viene chiamata “Football Ferns”, (Felci del calcio). Raggiungono la fase finale del mondiale come unica rappresentativa dell’OFC battendo 8-0 in finale le Isole Fiji, durante le qualificazioni non hanno mai perso, realizzando 43 goal e subendone zero.
Alcune giocatrici militano nel campionato di casa, mentre la maggior parte è sparsa per il mondo tra Giappone, Europa e in larga parte Stati Uniti, c’è anche qualche svincolata. La stella di questa squadra è Sara Gregorius 28enne attaccante dell’Elfen Saitama, club Giapponese del massimo campionato, vanta 91 presenze con le felci e 33 goal, ha vinto lo scudetto con il Liverpool nel 2013 e ha realizzato 8 goal nelle qualificazioni. Vale la pena ricordare il portiere Erin Nayler 27enne in forza al Bordeaux, il difensore 31enne Ali Riley del Chelsea e capitano neozelandese e la compagna di reparto Ria Percival, 29enne del West Ham.
Il C.T. è Thomas Dorby Sermanni dall’ottobre del 2018, è alla sua quarta panchina in un mondiale dopo i tre con l’Australia femminile, in passato ha guidato anche le Statunitensi.
La lista delle convocate della Nuova Zelanda
1 Nayler, 2 Percival, 3 Green, 4 Bott, 5 Moore, 6 Stott, 7 Riley, 8 Erceg, 9 Kete, 10 Longo, 11 Gregorius, 12 Hassett, 13 White, 14 Bowen, 15 Morton, 16 Duncan, 17 Wilkinson, 18 Skilton, 19 Satchell, 20 Cleverley, 21 Esson, 22 Chance, 23 Olla

Camerun
Le “Indomitable Lionesses” o Leonesse Indomabili parteciperanno a Francia ’19 grazie al terzo posto ottenuto con la vittoria sul Mali per 4-2 nella fase di qualificazione dietro a Nigeria e Sudafrica.
Alcune ragazze militano nei club della capitale Yaoundè: l’Amazone FAP, il Louves Miniproff e l’Awa Girls, molte militano in club Europei nella maggior parte francesi, il resto tra Nigeria e Stati Uniti.
La giocatrice più conosciuta è Gabrielle Onguene, attaccante 30enne del CSKA Mosca, è una delle migliori giocatrici africane ed è stata nomination per il pallone d’oro del continente nero nel 2015. Vale la pena ricordare il capitano Christine Patience Manie difensore 35enne del Nancy e le altre due punte del tridente africano, le 26enni Gaelle Enganamuit e Ajara Nchout rispettivamente in forza a Malaga e Valerenga. Probabile panchina per il capocannoniere delle leonesse di sempre Madeleine Ngono Mani, classe 83′, 49 reti in 128 presenze.
Il team è guidato da Aljn Djemufa (46 anni) dall’inizio di quest’anno, era preparatore atletico nello staff di Joseph Ndoko, il C.T. che ha condotto le leonesse indomabili a questa qualificazione, sarà inoltre coadiuvato da Bernadette Anong ex calciatrice ed ex capitano della nazionale stessa.
La lista delle convocate del Camerun
1 Ngo Ndom, 2 Manie, 3 Nchout, 4 Leuko, 5 Ejangue, 6 Johnson, 7 Onguene, 8 Feudjio, 9 Ngono Mani, 10 Yango, 11 Awona, 12 Meffometou, 13 Meyong, 14 Abena, 15 Sonkeng, 16 Mambingo, 17 Enganamouit, 18 Akaba, 19 Ngo Ndoumbouk, 20 Ngo Mbeleck, 21 Takounda, 22 Abam, 23 Ongmahan

Il calendario del Gruppo E

Canada-Camerun (10 giugno ore 21 – Montpellier)
Nuova Zelanda-Olanda (11 giugno ore 15 – Le Havre)

Olanda-Camerun (15 giugno ore 15 – Valenciennes)
Canada-Nuova Zelanda (15 giugno ore 21 – Grenoble)

Olanda-Canada (20 giugno ore 18 – Reims)
Camerun-Nuova Zelanda (20 giugno 2019 – Montpellier)

 

Calcioinrosa.it è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Arezzo al n. 5 del 08/08/2018
Copyright © Calcioinrosa 2005 - 2021  | Impostazioni tracciamento  |  Privacy Policy  |  Cookie Policy  |  Contatti  |  Disclaimer