27/01/2023

14 Giornata – 5 febbraio 2022

La 14esima giornata di Serie A TimVision si apre al centro sportivo Vismara con la sfida tra Milan e Lazio. Le padrone di casa vanno a caccia della terza vittoria consecutiva in questo 2022 iniziato alla grande; le ospiti invece sono alla disperata ricerca di punti salvezza, in quanto relegate in penultima posizione in classifica con soli 3 punti. 

C’è tanta nebbia al Vismara, ma non al punto tale da compromettere l’avvio del match. 

Per quest’impegno Mister Ganz opta per un 3-4-3 con: Giuliani, Agard, Fusetti, Codina, Guagni, Jane, Grimshaw, Tucceri, Bergamaschi, Piemonte, Thomas. 

Mister Catini schiera le sue calciatrici in un 4-4-2: Ohrstrom, Labate, Fordos, Groff, Visentin, Ferrandi, Cuschieri, Castiello, Heroum, Fridlund, Pittaccio. 

Dopo un avvio costellato di errori al 7′ la Lazio sblocca il risultato portandosi in vantaggio. Fatale un errore di Tucceri che non riesce a sfruttare lo schema da calcio d’angolo permettendo alle biancocelesti di partire in contropiede. Fridlund serve l’assist per Visentin che a tu per tu con Giuliani non sbaglia e insacca in rete. 

La reazione del Milan non si fa attendere e dopo due minutiAlia Guagni prova la conclusione che però termina larga. 

All’11 è il turno di Piemonte ma il suo tiro leggermente deviato non impensierisce Ohrstrom. 

Sono le rossonere a fare la partita, con la Lazio raccolta nella propria trequarti a difendere il vantaggio. Diverse occasioni non sfruttate dalle padrone di casa mantengono il risultato sullo 0-1. Al 36′ la squadra di Mister Ganz non riesce a sfruttare l’ennesima chance: Thomas dalla destra con un grande spunto crossa al centro per Bergamaschi che di testa manda alto sopra la traversa. 

Passa un altro minuto e il Milan sfiora nuovamente il pareggio con una doppia occasione: prima il sinistro di Piemonte, a botta sicura, viene murato da Fordos, poi Thomas dalla ribattuta colpisce il palo da due passi. 

Al 39′ la solita, impeccabile Alia Guagni dalla destra pennella un cross morbido per la testa di Martina Piemonte che in torsione indirizza in porta e batte Ohrstrom, ristabilendo la parità tra le due squadre. Ottimo il rendimento da parte dell’attaccante ravennate, al suo terzo gol consecutivo in maglia rossonera. Da segnalare anche il gesto simbolico della stessa Piemonte che insieme al capitano Valentina Bergamaschi ha mostrato alle telecamere e ai tifosi presenti in tribuna le maglie numero 21 e 22 ad omagiare le compagne Jonusaite e Fedele, entrambe fuori per infortunio. 

Due minuti dopo la formazione di Maurizio Ganz ha un’occasione d’oro per passare in vantaggio prima dell’intervallo: Piemonte serve un filtrante in area per Thomas, che salta Ohrstrom e calcia direttamente in porta ma è bravissima Heroum a salvare proprio sulla linea. 

Senza concedere alcun minuto di recupero il signor Gigliotti sancisce la fine della prima frazione di gioco. 

Nessun cambio previsto all’inizio del secondo tempo così la rirpesa riparte con le stesse formazioni che hanno dato il via all’incontro. 

Al 51′ viene estratto il primo ed unico cartellino giallo della partita: Codina finsice sul taccuino dell’arbitro per un fallo di mano dal limite. 

Un minuto dopo Ferrandi da punizione calcia potente ma un pò troppo centrale: Giuliani non si fa sorprendere e va in presa sicura. 

Al 53′ c’è il primo cambio per la squadra di casa: esce Linda Tucceri entra Thrige Andersen. 

Al 54′ c’è il primo cambio per le rossonere con Thrige che prende il posto di Tucceri. 

Al 60′ insiste il Milan con la bella azione personale di Grimshaw che sfonda sulla destra, poi Thomas di testa spedisce alto. 

Alla continua ricerca del gol la squadra di Mister Ganz continua a martellare la difesa avversaria: al 63′ un rimpallo fortunoso di Bergamaschi in area biancoceleste permette a Jane di calciare a colpo sicuro con il sinistro. Ohrstrom in qualche modo se la cava riuscendo a sventare la minaccia. 

Al 68′ Mister Catini sostituisce Labate con Pezzotti. Altro cambio per la Lazio al 71′ con Di Giammarino che subentra a Ferrandi. 

Al 73′ anche Maurizio Ganz si concede una sostituzione mandando a riposo Lindsey Thomas. Al suo posto entra Miriam Longo.

Non succede più nulla fino all’83’ quando al termine di un’azione confusa il pallone si insacca in rete. Bergamaschi esulta per un gol che il direttore di gara non aveva convalidato. 

Tre minuti dopo Longo verticalizza per Grimshaw che sola davanti alla porta spara addosso a Ohrstrom divorandosi una chance clamorosa. 

All’86’ la terza sostituzione per le padrone di casa: Nina Stapelfeldt prende il posto di Alia Guagni.

Alle rossonere il pareggio sta davvero molto stretto e negli ultimi minuti di partita si buttano in avanti tentando l’assalto finale per portare a casa i tre punti. All’88’ dalla sinistra il tiro-cross di Piemonte trova la spizzata vincente proprio di Stapelfeldt entrata in campo da appena 2′ che fissa il risultato sul momentaneo 2-1. 

Piove infatti sul baganto per la Lazio che, allo scadere subisce la terza rete: al 94′ la solita Piemonte difende benissimo la sfera spalle alla porta e la allarga sulla destra per Bergamaschi. Il suo cross viene toccato da Grimshaw per Thrige Andersen che a sua volta non fallisce il tap-in in area regolando definitivamente i conti. 

Al triplice fischio del signor Gigliotti si chiude la contesa. Al Vismara il Milan trionfa per 3-1 con una Lazio che nonostante la sconfitta ha dato prova di grande orgoglio e determinazione. 

Convincente la rimonta della squadra di Maurizio Ganz, abilissimo quest’oggi nella scelta dei cambi effettuati rivelatisi decisivi ai fini della vittoria che consente alle rossonere di rimanere in piena corsa per la Champions League. 

RISULTATO E TABELLINO: 

MILAN-LAZIO: 3-1 

MARCATRICI: 7′ Visentin (L), 39′ Piemonte (M), 88′ Stapelfeldt (M), 90+4′ Thrige Andersen (M)

MILAN (3-4-3): Giuliani; Agard, Fusetti, Codina; Guagni (86′ Stapelfeldt), Jane, Grimshaw, Tucceri (53′ Thrige Andersen); Bergamaschi, Piemonte, Thomas (73′ Longo). A disposizione: Babb, Miotto, Dal Brun, Premoli. All: Ganz. 

LAZIO (4-4-2): Ohrstrom; Labate (68′ Pezzotti), Fordos, Groff, Visentin; Ferrandi (71′ Di Giammarino), Cuschieri, Castiello, Heroum; Fridlund (88′ Vigliucci),Pittaccio. A disposizione: Santoro, Le Franc, Guidi, Chukwudi, Natalucci, Savini. All: Catini. 

NOTE: Ammonita Codina (M). 

ARBITRI: Enrico Gigliotti. 

ASSISTENTI: Paolo Cipolletta e Giuseppe Cesarano. 

QUARTO UOMO: Duccio Mancini. 

Calcioinrosa.it è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Arezzo al n. 5 del 08/08/2018
Copyright © Calcioinrosa 2005 - 2021  | Impostazioni tracciamento  |  Privacy Policy  |  Cookie Policy  |  Contatti  |  Disclaimer