SHARE

Analisi del movimento femminile in Italia alla luce dei mondiali di calcio francesi con approfondimenti sulle giovani atlete di prospettiva affidate a Mauro Taverna, esperto conoscitore del settore nonché padre della giovane calciatrice Elisabetta, atleta in ascesa, in rampa di lancio.

 

Nella doppia veste di padre di una giovane calciatrice e di esperto del settore, come giudichi l’attuale situazione del calcio femminile italiano?

Il calcio femminile in Italia sta nel tempo prendendo sempre piu’ piede, richiamando l’attenzione di numerose persone che si stanno avvicinando con interesse e curiosità al movimento. Occorre proseguire in questa fase di crescita del settore, superando il periodo di anonimato che ci aveva contraddistinto anni addietro, coltivando e valorizzando soprattutto il settore giovanile. E’ fondamentale dare una possibilità alle ragazze che hanno la passione ed il calcio nel cuore per poterle far emergere.

Uno sguardo al mondiale: soddisfatto del cammino delle azzurre?

Sono molto soddisfatto del percorso delle azzurre nel torneo iridato, non era assolutamente facile vincere un girone con squadre di valore come Australia e Brasile, le ragazze hanno dato il massimo, alla lunga hanno pagato una minor condizione fisica rispetto agli avversari, dovuta anche a una stagione avvincente e tirata fino all’ultima giornata.

Quale calciatrice, tra quelle non convocate, avresti portato al mondiale?

Federica Di Criscio l’avrei portata ai mondiali premiandola per le sue doti umane, essendo una ragazza sensibile ed impegnata nel sociale sarebbe stata assai utile nello spogliatoio.

Un altro nome puo’ essere quello di Agnese Bonfantini, una giovane di belle speranze che rinnovando con la Roma può contribuire a rendere la squadra romanista l’anti Juve della prossima stagione. Una citazione anche per Eleonora Goldoni che ha saputo dimostrare le sue doti calcistiche anche all’estero.

Parliamo di tua figlia Betta, uno degli elementi più interessanti tra le giovani calciatrici. Quali sono le sue caratteristiche calcistiche e qual è la sua miglior qualità?

 I vari mister che hanno avuto modo di allenarla e conoscerne il valore, la definiscono una calciatrice molto tenace e grintosa che non molla mai, una che lotta sempre su ogni pallone, un “ringhio” Gattuso al femminile.

Da esperto del settore, quali sono le giovani calciatrici più interessanti che consiglieresti alle società più quotate ?

  1. Claudia Natali, il neo acquisto della Florentia è un elemento molto interessante con grandi prospettive future. Oltre al suo nome aggiungerei anche altre giovani atlete dal futuro radioso quali Labate, Giubilato e Bonfantini, atlete di grandi valore e prospettiva.