26/01/2023

11 Giornata

Peyraud-Magnin: Tiene a galla la Juventus nel momento di massima spinta rossonera. Dà sicurezza alle compagne che sanno di avere tra i pali una certezza. Nella ripresa, il Milan ci prova ma trova davanti a sè un vero e proprio muro che respinge tutto… splendida una sua respinta in calcio d’angolo su un tiro di Giacinti. Anche sul finale, a risultato ormai acquisito da parte della Juventus mantiene altissima la concentrazione e ipnotizza le giocatrici avversarie.

Voto: 7

Fusini: L’esterna del Pomigliano gioca da ex una partita attenta e precisa. Ha dal suo lato una cliente non facile come Erzen che quando accelera si rende sempre molto pericolosa ma lei riesce a tenere bene botta e non solo pensa alla fase difensiva ma anche a quella offensiva. Una giocatrice diligente che non sbaglia praticamente nulla.

Voto: 7

Swaby: È una colonna insuperabile e in coppia con Linari diventa sempre più brava. La sua fisicità le permette di contrastare nell’1vs1 le attaccanti biancocelesti, non disdegna però neanche le sortite offensive quando esce palla al piede e testa alta, facendo ripartire le azioni della Roma. Sente la fiducia delle compagne di reparto e si fa sentire anche alzando la voce quando ce n’è bisogno. 

Voto: 7

Auvinen: La Sampdoria si affida molto alle doti tecniche e fisiche della giocatrice finlandese che in questa partita risulta essere decisiva. Soprattutto nella ripresa, l’Hellas Verona trova fiducia e prova ad arrivare con una certa continuità al pareggio ma Anna è sempre attenta e si fa sentire dalle compagne, le guida ai movienti difensivi e risulta essere decisiva. Massima attenzione sia nel gioco aereo che in quello con palla a terra. 

Voto: 6,5

Dubcova:È l’anima del Sassuolo, gioca una partita sopra le righe e permette alle sue compagne di tenere testa all’Inter. Dai suoi piedi nasce l’assist per il gol del pareggio di Cantore e poi, poco dopo inventa una traiettoria magica spedendo il pallone sotto al sette. Una giocata bellissima che da sola varrebbe il costo del biglietto e che impreziosisce ulteriormente una prestazione super. Il merito di questa grandissima stagione bianco verde è anche il suo. 

Voto: 7

Ippolito:Il Pomigliano ha bisogno di migliorare la fase di possesso palla e il tecnico Panico ad inizio secondo tempo, si affida a questo piccolo, immenso talento. 

Tanta qualità e giocate d’alta scuola per una vera campionessa che ha dalla sua il futuro del calcio. Nel momento di maggiore difficoltà della sua squadra, si inventa una magia degna di Harry Potter, supera la diretta avversaria e da posizione impossibile, trova la rete che regala il derby al Pomigliano. Gli applausi di tutto lo stadio sono il giusto tripudio. 

Voto: 7,5

Karchouni: È su tutte le azioni nerazzurre e dai suoi piedi, nasce il tiro che respinto dal portiere, termina a Njoya, abile a segnare il gol del vantaggio. È uno stantuffo che difficilmente sbaglia un passaggio e anzi, recupera molti palloni interrompendo le azioni ospiti. Classe, qualità e quantità al servizio della squadra, la crescita dell’Inter passa anche attraverso le sue giocate.

Voto: 7

Goldoni:Un calciatore si vede dal coraggio, dall’altruismo e dalla fantasia… cantava De Gregori in una famosa canzone e queste caratteristiche Eleonora Goldoni le possiede tutte. 

Contro il Pomigliano, nel primo derby in serie A tra le due formazioni, si carica sulle spalle il suo Napoli, le sue giocate sono di puro godimento per gli amanti del calcio. 

Trova la rete del pareggio e regala perle di rara qualità calcistica. Ci permettiamo di dire che questa Eleonora Goldoni, meriterebbe l’attenzione della Ct azzurra Milena Bertolini perché l’Italia ha bisogno delle sue giocate. 

Voto: 7,5

Pirone: Attraversa un momento di forma straordinario. Gioca benissimo e riesce sempre ad essere decisiva, contro qualsiasi difensore le si pari davanti. Le biancocelesti provano ad intimorirla con entrate al limite, ma Valeria come sempre non fa una smorfia e risponde con i fatti. È suo infatti, il primo storico gol della Roma nei derby di campionato. Una rete molto bella con un’esultanza che non può passare inosservata ai tifosi romanisti, quell’aeroplanino che ricorda i tanti gol di un calciatore straordinario come Vincenzo Montella. Rete a parte è tutta la partita di Valeria ad essere sopra le righe, al momento della sostituzione viene acclamata da tutto lo stadio Tre Fontane che si inchina alla sua nuova regina.

Voto: 7,5

Bonansea: La Juventus entra in campo stranamente senza il solito piglio; probabilmente il doppio impegno Campionato-Champions inizia a farsi sentire. Proprio in questo momento esce fuori la classe della campionessa, Barbara Bonansea si accende e scuote le sue compagne di squadra. È decisiva sul gol del pareggio quando calcia molto bene una punizione, respinta a fatica dall’ex compagna Giuliani, sulla quale si avventa Staskova che realizza e poi al 39’ quando sfrutta un errore del portiere rossonero e mette a segno il gol del 2-1. Nella ripresa continua a tenere in apprensione l’intera retroguardia della squadra allenata da Maurizio Ganz.

Voto: 7,5

Glionna:L’esterna giallorossa è una vera e propria spina nel fianco della difesa biancoceleste. Si gioca il primo derby della storia della Capitale e le gambe potrebbero anche tremare. Non è il caso di Benedetta che continua a macinare km e affonda in maniera imperterrita sulla fascia. Quando le cose si complicano per la Roma con la Lazio che riesce a trovare il gol del 2-2 sale in cattedra e al 73’ calcia in maniera splendida una punizione con il pallone che termina imparabile alle spalle del portiere Öhrström. E la rete del 3-2 che regala la prima storica vittoria alla Roma che in un colpo solo vince il derby e si impossessa del secondo posto in campionato.

Voto: 7,5

Calcioinrosa.it è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Arezzo al n. 5 del 08/08/2018
Copyright © Calcioinrosa 2005 - 2021  | Impostazioni tracciamento  |  Privacy Policy  |  Cookie Policy  |  Contatti  |  Disclaimer