31/01/2023

9 Giornata – 14 Novembre 2021

Nella 9 giornata di Serie A Tim Vision, allo stadio Breda di Sesto San Giovanni, si affrontano l’Inter di Coach Rita Guarino e l’Hellas Verona guidata da Matteo Pachera. La squadra di casa viene da una rocambolesca vittoria conquistata in pieno recupero sul campo della Fiorentina, mentre il Verona sta attraversando un periodo poco brillante frutto di un solo punto conquistato nell’arco del campionato. 

Rita Guarino intende proseguire la corsa ai piani alti della classifica schierando in campo la seguente formazione: Durante, Sonstevold, Kathellen, Alborghetti, Landstrom, Csiszar, Simonetti, Bonetti, Karchouni, Marinelli, Njoya Ajara. 

Partenza a mille delle nerazzurre che riescono a sbloccare la partita dopo pochi minuti. Al 6’ Sonstevold raccoglie un pallone e prova la conclusione dalla lunghissima distanza: ne esce un destro micidiale appena sotto la traversa sul quale Keizer non può nulla. La norvegese non riesce a contenere la sua gioia e corre a festeggiare con le compagne e tutta la panchina. 

Un paio di minuti dopo Cedeno viene stesa da Kathellen con un fallo. Accompagnata dallo staff medico  e piuttosto dolorante abbandona il campo in attesa di capire se sarà in grado di continuare la sua gara oppure no. 

Momentaneamente in 10, le ragazze di Mister Pachera non riescono a frenare l’impeto dell’Inter che al 14’ raddoppiano con Gloria Marinelli. La 7 di Agnone si invola sulla sinistra e serve un pallone aereo per Bonetti che in volée sorprende il portiere gialloblù insaccando la rete del 2-0. Vano il tentativo ad allontanare di Ambrosi quando il pallone ha già varcato la linea. Un avvio di partita fulminante delle nerazzurre che in meno di un quarto d’ora possono già contare su un discreto margine di vantaggio.

Al 15’ ecco il primo cambio, forzato, per le ospiti: Cedeno infatti, non riesce a proseguire la partita, al suo posto Mister Pachera inserisce Alessia Rognoni.   

Nonostante il doppio svantaggio però l’Hellas vuole quantomeno provare a cambiare le sorti del match con la neo entrata Rognoni: al 19’ da punizione, l’ex di turno calcia un missile alla destra di Durante. La numero 22, attentissima, riesce a deviare sul palo con una parata prodigiosa.   

Al 26’ azione clamorosa dell’Inter: Marinelli serve Njoya appena fuori dall’area, la numero 33 controlla  la sfera e coni l destro centra in pieno la traversa. Successivamente Bonetti spara sul fondo, ma il direttore di gara, con il supporto del guardalinee ferma il gioco dopo aver ravvisato una posizione irregolare. 

Un paio di minuti dopo si rive in attacco il Verona. Pasini tenta di battere Durante con un destro indirizzato sul primo palo. L’estremo difensore nerazzurro però non si fa impensierire e blocca comodamente la conclusione. 

Alla mezz’ora le padrone di casa arrotondano il risultato: pallone prezioso  messo in mezzo all’area da Gloria Marinelli, Karchouni controlla a piazza il tiro sotto l’incrocio. 

Da qui in poi si abbassano un po’ i ritmi di gara, con le padrone di casa pienamente  in controllo del match che gestiscono il possesso palla.

Ma le emozioni di questo primo tempo non sono ancora finite ed ecco che al 45’ un’altra giocatrice dell’Inter mette la firma sul risultato che sta maturando. Stavolta è Njoya che riceve il filtrante della solita Marinelli, finta di andare in porta con il mancino liberandosi di Jelencic e finalizza con il destro spiazzando il portiere gialloblù. 

Senza storia la prima frazione di gioco che si chiude con l’altisonante 4-0 in favore della squadra di Rita Guarino che può ritenersi ampiamente soddisfatta dal  gioco e l’intensità messe in campo dalla sua formazione. Quasi impossibile, per il Verona, anche solo sperare di immaginare l’impresa contro una rosa ben organizzata e decisamente più attrezzata dal punto di vista tecnico.

La ripresa comincia con una novità tra le fila delle padrone di casa: Elisa Polli prende il posto di Njoya.

Come nel primo tempo, si fa subito pericolosa l’Inter. Al 49’ Bonetti dal limite cerca lo spazio per calciare, si accentra e va con il sinistro. Keizer la tocca quanto basta per evitare il 5-0. 

5-0 che però, arriva inevitabile 5 minuti dopo sempre dai piedi di Tatiana Bonetti, la migliore in campo, che, con un tiro-cross dalla destra riesce a trovare un super gol e a siglare la prima doppietta della partita mettendo definitivamente in cassaforte il risultato. 

Il Verona cerca disperatamente il gol della bandiera e quasi lo trova al 63’ quando Veronica Pasini si libera dal pressing di Bonetti  con una grande giocata di tacco, e fa partire una pericolosissima conclusione con il destro. Francesca Durante se la cava, salvandosi in due tempi. 

Al 73’ Bonetti prova a portarsi a casa il pallone del match sfiorando il terzo gol della sua partita, ma stavolta Keizer non si fa sorprendere, respingendo la sua conclusione oltre il palo. 

Due minuti dopo Rita Guarino effettua un doppio cambio concedendo minutaggio a Brustia e Regazzoli, subentrate alle ottime Karchouni e Sonstevold. 

Non succede praticamente più nulla negli ultimi 15 minuti di gara, complice una fittissima pioggia che rende difficile e allo stesso tempo vano ogni tentativo in costruzione fino al fischio finale. 

Un punteggio severo ma giusto quello che si è concretizzato al Breda di Sesto San Giovanni. La formazione di Rita Guarino, con grande cinismo, è riuscita a sfruttare al meglio le molteplici occasioni create senza concedere quasi nulla alle avversarie. L’Inter fa quindi bottino pieno, raggiungendo quota 18 in classifica. Il Verona resta penultima in classifica, a rischio retrocessione insieme al Napoli e alla Lazio, fanalino di coda. 

INTER-HELLAS VERONA: 5-0

MARCATRICI:6’ Sonstevold, 14’ e 54’ Bonetti, 30’ Karchouni, 45’ Njoya Ajara 

INTER:Durante, Sonstevold(75’ Brustia), Kathellen, Alborghetti (61’ Vergani), Landstrom, Simonetti (62’ Santi), Csiszar, Karchouni (75’ Regazzoli), Bonetti, Marinelli, Njoya Ajara (46’ Polli). 

A DISPOSIZIONE: Cartelli, Gilardi, Merlo, Pandini. 

ALLENATRICE:Rita Guarino. 

HELLAS VERONA: Keizer, Ledri (53’Oliva), Nilsson, Jelencic (53’ De Sanctis), Pasini, Cedeno (15’ Rognoni), Catelli, Ambrosi, Mancuso, Lotti, Horvat. 

A DISPOSIZIONE: Gritti, Errico, Sardu, Rizzioli, Quazzico. 

ALLENATORE:Matteo Pachera. 

ARBITRO:Aleksandar Djurdjevic (sez Trieste). 

AMMONITE:31’ Lotti, 61’ Simonetti, 93’ Santi. 

Calcioinrosa.it è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Arezzo al n. 5 del 08/08/2018
Copyright © Calcioinrosa 2005 - 2021  | Impostazioni tracciamento  |  Privacy Policy  |  Cookie Policy  |  Contatti  |  Disclaimer