31/01/2023

7 Giornata – 30 Ottobre 2021

Alla ripresa del campionato è subito Inter-Juventus, è un test importante per entrambe le squadre; la formazione di casa dopo aver battuto la Roma nel recupero della quarta giornata, vuole continuare a stupire e dimostrare che può giocarsela contro tutte le avversarie, Juventus compresa. Le ospiti invece vogliono continuare la loro lunghissima scia di vittorie consecutive e mettere pressione al Sassuolo che giocherà in trasferta l’altro big match di giornata contro la squadra giallorossa di Alessandro Spugna.

Rita Guarino la grande ex della partita schiera l’Inter con il consueto 4-4-2: Durante, Sønstevold, Kathellen, Alborghetti, Merlo, Simonetti, Karchouni, Csiszàr, Pandini, Njoya Ajara, Marinelli.

Montemurro, risponde con la seguente formazione: Peyraud-Magnin; Lundorf, Gama, Salvai, Boattin; Rosucci, Pedersen, Zamanian; Bonansea, Girelli, Hurtig. 

La partita è da subito molto bella ed intensa, le due squadre non badano alla fase difensiva e si affrontano a testa alta.

L’Inter va vicinissima al gol del vantaggio al 12’ quando un disimpegno errato di Pedersen mette in seria difficoltà Peyraud-Magnin che era fuori dai pali, il portiere bianconero però, riesce miracolosamente a toccare il pallone e a spedirlo in calcio d’angolo.

La Juventus accusa il colpo e la formazione nerazzurra ne approfitta per guadagnare campo e chiudere incredibilmente le avversarie nella loro trequarti campo. 

È un avvio che nessuno si sarebbe aspettato, le ragazze di mister Montemurro sono in grossa difficoltà e al 23’ su cross dalla destra, arriva il colpo di testa di Csiszàr che termina alto sopra la traversa. 

La risposta bianconera è affidata ad un colpo di testa di Girelli che non impensierisce Durantel.

È però un segnale che la Juventus manda alle padrone di casa e in fatti al 28’ 

Boattin entra in area di rigore, vince un rimpallo e calcia con il destro, il diagonale termina a fondo campo. 

Azione di rimessa della Inter al 33’ con Pandini che si fa tutto il campo, corre centralmente e poi allarga a sinistra per Marinelli, tiro a giro e parata miracolosa del portiere che devia in calcio d’angolo. Il direttore di gara, sbagliando, ferma l’azione per una posizione di fuorigioco.

Al 40’ arriva la più grande occasione da rete dell’intero primo tempo ed è bianconera. Zamanian sulla trequarti campo, alza il pallone a campanile, Hurtig di testa serve Girelli che dal dischetto del rigore calcia a botta sicura ma il pallone termina largo. Scampato il pericolo, l’Inter non rimane a guardare e anzi al 44’ crea l’ultima occasione da rete del primo tempo. Marinelli se ne va sulla sinistra, effettua un cross basso per Csiszàr che arriva a rimorchio al limite dell’area, anticipa Boattin e calcia verso la porta ma Peyraud-Magnin blocca a terra.

Senza recupero, arriva il duplice fischio dell’arbitro Frascaro, le squadre vanno al riposo sul risultato di 0-0.  

Ad inizio ripresa, subito Inter pericolosa con Simonetti che serve al limite dell’area Karchouni, tiro di prima intenzione e pallone che a Peyraud-Magnin battuta, termina contro la traversa. Ancora Inter pericolosa al 49’ con Csiszàr che controlla al centro dell’area di rigore con il petto e calcia con una mezza girata al volo ma il portiere bianconero blocca a terra.

Al 52’ risposta juventina con Girelli che serve Hurtig, tiro al volo dal limite dell’area e pallone che accarezza il sette alla sinistra di Durante.

Al 58’ doppio cambio per Rita Guarino con Csiszàr e Marinelli che escono dal campo e al loro posto entrano Portales e Bonetti.

Cambio anche nella Juventus al 66’ con Cernoia che subentra a Rosucci.

Tre minuti dopo, Simonetti viene ammonita per un’entrata scomposta su Zamanian al centro del campo. Al 71’ cross dalla sinistra di Girelli, sul secondo palo Barbara Bonansea stacca di testa più in alto di Merlo e realizza il gol del vantaggio.  

Triplo cambio bianconero al 73’ con Bonfantini, Caruso e Staskova che entrano al posto di Bonansea, Zamanion e Girelli.

L’Inter comunque non molla un solo centimetro e al 77’ pareggia la partita grazie ad una straordinaria giocata di Njoya Ajara che controlla spalle alla porta, si libera di Salvai e scarica di potenza il pallone in rete 1-1.

All’80’ passa nuovamente in vantaggio la Juventus, lancio in profondità di Caruso e preciso colpo di testa della neo entrata Staskova che supera Durante per il 2-1.

Partita bellissima!!! Pressione Inter che non vuole perdere e attacca a testa bassa ma deve stare attenta alla Juventus che quando riparte è pericolosissima. 

All’86’ Rita Guarino sostituisce Pandini con Polli, inseriece fisicità per tentare di sfruttare anche qualche pallone lanciato in area di rigore.

Un minuto dopo, Caruso calcia benissimo un calcio di punizione che finisce di pochissimo alto sopra la traversa.

Il direttore di gara assegna 3’ di recupero; al 92’ calcio di punizione per l’Inter conquistato da Tatiana Bonetti, calcia dal limite dell’area Karchouni ma Peyraud-Magnin blocca con sicurezza.

È l’ultimo acuto di una partita giocata molto bene da entrambe le squadre, finisce con la vittoria per 2-1 della Juventus e con Barbara Bonansea che può festeggiare le sue 100 presenze in maglia bianconera.  

Inter (4-4-2): Durante; Sønstevold, Kathellen, Alborghetti, Merlo; Simonetti, Karchouni, Csiszàr, Pandini; Njoya Ajara, Marinelli. All. Guarino. A disp. Gilardi, Santi, Polli, Bonetti, M. Portales, Regazzoli, Pavan, Passeri, Vergani

Juventus Women (4-3-3): Peyraud-Magnin; Lundorf, Gama, Salvai, Boattin; Rosucci, Pedersen, Zamanian; Bonansea, Girelli, Hurtig. All. Montemurro. A disp. Aprile, Hyyrynen, Lenzini, Nilden, Cernoia, Caruso, Staskova, Bonfantini, Pfattner

Arbitro: Frascaro di Firenze

Marcatrici: 71’ Bonansea, 77’ Njoya Ajara, 80’ Staskova

Calcioinrosa.it è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Arezzo al n. 5 del 08/08/2018
Copyright © Calcioinrosa 2005 - 2021  | Impostazioni tracciamento  |  Privacy Policy  |  Cookie Policy  |  Contatti  |  Disclaimer