04/02/2023

Esclusiva Calcio in Rosa e Il Giornale di Roma con il presidente Gravina al termine della partita della nazionale italiana contro la Spagna a Castel di Sangro. 

Presidente Gravina, la nostra nazionale, ha tenuto testa alla Spagna che è una delle compagini più forti al mondo. Una nazionale che solo pochi giorni fa, ha vinto in goleada contro l’Australia. Come ha visto l’Italia?

“Ho visto una buona Italia, determinata e vogliosa di fare bene. Molto granitica ma soprattutto molto unita. È una squadra che cresce partita dopo partita e contro la Spagna lo ha dimostrato, è stata una sfida molto divertente e sono convinto che il tanto pubblico di Castel di Sangro che è venuto allo Stadio si sia potuto divertire”

È stata l’ultima amichevole prima della partenza per l’Inghilterra. Adesso c’è un europeo da disputare, come ci arriviamo secondo lei?

“L’Italia deve vivere partita dopo partita. La prima sfida, si presenta, almeno sulla carta, proibitiva perché affronteremo la Francia che è la numero uno o comunque la numero due del ranking, quindi una squadra fortissima, però le nostre ragazze sono molto determinate. Si stanno preparando da tanto tempo, ci credono e noi saremo li, al loro fianco per tifare e sostenere loro e la maglia azzurra”

Oggi è una data storica perché finalmente il calcio femminile entra ufficialmente nel mondo del professionismo.

“Oggi è una data storica, siamo la prima federazione in Italia ad avviare il professionismo nel mondo dello sport al femminile. È una conquista di civiltà che farà bene allo sport, farà bene al calcio ma soprattutto farà bene a tutto il nostro paese”

Presidente, tra l’altro questo passo arriva alla vigilia di un evento importante come il campionato europeo.

“È avvenuto oggi perché è il 1luglio ma sappiamo benissimo che in realtà è dal 2019 che ci stiamo lavorando. È una data importante, una data storica, ci siamo e quindi partiamo”.

Come è stato per lei, vivere una partita bella ed importante come quella di oggi proprio a Castel di Sangro, luogo che sappiamo le sta particolarmente a cuore.

“Si è vero. Il mio cuore, la mia storia, la mia crescita sia sportiva che imprenditoriale, sia umana che sociale, è a Castel di Sangro. Qui mi trovo molto bene, così come in tutto l’Abruzzo, quindi sono stato veramente contento”

Calcioinrosa.it è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Arezzo al n. 5 del 08/08/2018
Copyright © Calcioinrosa 2005 - 2021  | Impostazioni tracciamento  |  Privacy Policy  |  Cookie Policy  |  Contatti  |  Disclaimer