20/06/2024

IL MINERVA SI CONFERMA BESTIA NERA DELLE LEONESSE

Le milanesi espugnano il “Paolo VI” grazie ad un rigore in avvio di gara
Per il Brescia due pali e diverse occasioni da rete
Mister Oro: «Abbiamo avuto tante occasioni. C’è rammarico, ma non mi abbatto»
BRESCIA, 20 GENNAIO 2018 – Il Minerva Milano si conferma bestia nera delle Leonesse in
questo campionato di Eccellenza: come all’andata sconfitte senza riuscire a segnare. Per il Brescia
un ko che fa male alla luce dei risultati delle contendenti alla seconda piazza e grande rammarico
per non essere riuscito a concretizzare le tante occasioni da rete create. Per le Leonesse anche due
pali su situazioni di palla inattiva nel primo tempo. Mister Oro conferma lo schieramento che sette
giorni fa aveva espugnato il campo del 3Team ma con qualche novità: in mezzo alla difesa torna
Brevi dopo la squalifica a far coppia con Belussi, sulla tre quarti maglia da titolare per Magri con
Brayda dirottata sull’out di destra con Massussi a sinistra e Zangari punta avanzata. Arbitra il signor
Fratelli della sezione di Bergamo.
Il Minerva parte subito aggressivo e non lascia la possibilità al Brescia di giocare palloni puliti: i
primi minuti sono frammentati e con pochi scambi. Il primo squillo è delle Leonesse con Zangari
lanciata in profondità entra in area e da posizione defilata lascia partire un destro centrale. Al 10′
ancora Zangari scatta su un pallone lungo, arriva sul fondo, si accentra e cerca di scavalcare Berini
con uno scavetto ma il portiere del Minerva intercetta. Al 14′ l’episodio che decide il match: su un
rilancio corto di Cogoli il pallone viene recuperato dalle ospiti, Rossini entra in area e viene
atterrata da Brevi. Rigore netto che Bassi trasforma. Il Brescia è pericoloso sulle palle inattive: al
18′ mischia furibonda in area Minerva con Brevi che cerca la conclusione ma viene respinta; al 27′
palo di Brevi di testa sugli sviluppi di un corner e quattro minuti dopo altro legno centrato da
Lazzari, sulla prosecuzione dell’azione palla buona per Massussi che mira sul primo palo ma il
riflesso di Berini è ottimo. Il Minerva, con il vantaggio acquisito, mira a coprire gli spazi nella
propria metà campo per poi ripartire: l’ultimo sussulto della prima frazione di gioco è di Brayda che
cerca la conclusione dalla distanza, centrale. La ripresa si apre con la conclusione sempre della
numero 7 delle Leonesse, stavolta fuori dallo specchio della porta; al 12′ incredibile occasione per
Zangari: doppio sombrero in area di rigore a far fuori altrettante avversarie e di sinistro da sola
davanti a Berini spara addosso all’estremo difensore che riesce a deviare in calcio d’angolo. Al 15′ si
fa vedere il Minerva: tiro da distanza ravvicinata di Canessa, ma il riflesso di Cogoli è ottimo, poi la
difesa biancoblu riesce a liberare l’area. Con il passare dei minuti la fatica si fa sentire: Oro chiama
in causa dalla panchina Farina, Ferrari, Fumagalli e Citaristi. Al 36′ occasione per Brayda: Massussi
parte sulla sinistra, crossa per la numero 7 che però interviene scomposta sul pallone e non riesce a
girarlo verso la porta. Al 40′ l’ultima occasione del match è per il Minerva, ma Cogoli è brava su
Valente. Arriva così la seconda sconfitta consecutiva in casa per il Brescia, che ora scivola in quinta
posizione in classifica: la prossima settimana a Mantova sarà necessaria una prestazione di livello
soprattutto a livello offensivo per cancellare questa serata sfortunata.
LE INTERVISTE – Mister Alessandro Oro in zona mista analizza la partita, iniziata con moltà
difficoltà dalle sue ragazze per via dell’aggressività delle avversarie: «Avevo proprio insistito su
questo punto in settimana. Il Minerva è una squadra che va al recupero palla alto e che non ti lascia
giocare. Non siamo partite bene, poi andare sotto subito certamente non ci ha aiutate. Poi qualche
fraseggio, qualche azione in velocità l’abbiamo creata, e comunque siamo andate vicino al gol in più
occasioni, però non è stato abbastanza per recuperarla». Due pali nel primo tempo, un’occasione
clamorosa per Zangari nella ripresa, purtroppo la poca cattiveria in fase di finalizzazione è un
difetto che si ripete: «Sì, oggi abbiamo creato come al solito, però se non la buttiamo dentro è solo
demerito nostro e complimenti a loro che hanno vinto. Anche se su rigore, comunque sacrosanto. Il
rammarico c’è, però come dico sempre non mi abbatto per una sconfitta così come non mi esalto per
una vittoria. Dobbiamo lavorare e andare avanti per la nostra strada».
Sicuramente fra le migliori in campo, Chiara Pedemonti dà la sua visione della gara: «Secondo me
abbiamo fatto una buona prestazione, anche ricordando come era finita la gara d’andata. La fortuna
non è stata dalla nostra parte, perché abbiamo avuto tantissime occasioni. A parer mio era
fattibilissima questa partita. Potevamo portarcela a casa». Cosa è mancato a parte la fortuna?
«Sicuramente cattiveria sottoporta, e un po’ di disattenzione in difesa perché comunque qualche
pallone dietro è passato. Sono cose mancate questa sera e che continuano a mancare». Cosa si
impara da questa partita? «Che non dobbiamo considerare le partite del girone d’andata perché
abbiamo dimostrato di avere la possibilità di recuperare qualsiasi partita, e che dobbiamo credere di
più in noi stesse soprattutto sottoporta per cercare di arrivare al nostro obiettivo, il secondo posto».
Alessandra Zangari affronta il problema della poca concretezza in fase realizzativa: «Io direi
partita molto sfortunata, perché abbiamo avuto tantissime occasioni per pareggiarla e portarci
avanti. Così non è stato però posso dire che ce l’abbiamo messa tutta. La cattiveria sottoporta manca
e dobbiamo lavorare di più tutti i giorni per migliorare e per far sì che in partita non si ripetano più
gli stessi errori». Prossima settimana a Mantova: «Dovremo fare una prestazione eccellente per
cancellare questo brutto risultato di oggi».
Brescia-Minerva 0-1
Brescia Cogoli, Pedemonti, Lazzari, Bocchi (33′ st Ferrari), Belussi (15′ st Farina), Brevi, Brayda,
Magri (38′ st Fumagalli), Zangari (43′ st Citaristi), Guerini, Massussi. (Cancarini, Dolfini,
Inverardi). Allenatore Oro
Minerva Milano Berini, Florio, Strabello, Zambetti, Vestito (39′ st Gabba), Bassi, Meroni (1′ st
Valente), Del Rio Torres (14′ st Canessa), Mariam, Mugavero (31′ st Redaelli Carlotta), Rossini (18′
st Redaelli Carlotta). (Greco, Medici, Celedi, Baccarani). Allenatore Stropia
Arbitro Fratelli (Bergamo)
Reti pt 15′ Bassi (rig.)
Note Ammonita Canessa
Eccellenza Lombardia – 17a giornata (20 gennaio 2019)
Brescia-Minerva Milano 0-1; Doverese-Bareggio 3-2; Dreamers-Montorfano Rovato 0-2;
Atalanta-Mantova 5-2; Tabiago-Biassono 2-3; Speranza Agrate-Pro Sesto 3-1; Ticinia-3Team 0-2;
Lesmo-Cortefranca 1-5
Eccellenza Lombardia – Classifica
Cortefranca 49; Speranza Agrate 41; Minerva Milano 36; 3Team 35; Brescia 34; Montorfano
Rovato 32; Doverese 31; Pro Sesto 28; Bareggio 26; Atalanta 25; Dreamers 15; Biassono 12;
Ticinia 10; Mantova 7; Tabiago 6; Lesmo 5.

Calcioinrosa.it è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Arezzo al n. 5 del 08/08/2018
Copyright © Calcioinrosa 2005 - 2021  | Impostazioni tracciamento  |  Privacy Policy  |  Cookie Policy  |  Contatti  |  Disclaimer