SHARE

Se in Italia la speranza è quella di vedere il calcio femminile professionistico, in Giappone il sogno si è avverato.
Infatti, per gli appassionati di calcio femminile nipponico, e lì sono parecchi, ora è davvero realtà.
Mercoledi 3 Giugno è un giorno che sarà istituito come Festa Nazionale, perchè la Japan Football Association ha annunciato il nome e il logo del primo campionato professionistico femminile. La WE League (Women Empowerment League), il nome del campionato, partirà nell’autunno del 2021 e andrà di pari passo con il calendario europeo (settembre 2021- maggio 2022).

FORMATO – Il nuovo campionato, che sarà superiore all’attuale Nadeshiko League, sarà composto da 6 a 10 squadre. Per alcuni anni non ci saranno né promozioni né retrocessioni. Inoltre ogni club deve avere almeno cinque giocatrici con contratti “A”, cioè professionali e non soggetti ad un limite di salario. Il nome del club dovrà corrispondere ad una città o una regione. Infine, ogni club nello staff dirigenziale dovrà aver una donna, ma la cosa fondamentale, che per tre anni la maggior parte dei dipendenti deve essere donna. 

Il presidente della Federazione nipponica Kozo Tajima ha dichiarato: “Lo scopo del lancio della nuova Lega non è solo lo sviluppo del calcio femminile in Giappone. Il nostro obiettivo è contribuire a costruire una società sostenibile attraverso la promozione della partecipazione sociale delle donne e il miglioramento delle diversità e delle scelte. Il modo in cui contribuiamo alla società attraverso lo sport è una missione importante per tutti noi nel mondo dello sport. Lavoreremo per stabilire la carriera della calciatrice professionista, che è il sogno di molte ragazze, e promuovere ulteriormente l’emancipazione femminile e risolvere i problemi sociali”.

Ora non resta che sognare anche per il nostro movimento