01/02/2023

Guglielmo Boccia : “Dopo sedici anni di presidenza nel calcio a cinque, potrei prendermi una pausa”

Presidente storico del Martina c5, dopo una lunga militanza durata sedici anni in qualità di primo dirigente nel mondo del calcio femminile culminata la scorsa annata a Conversano, starebbe maturando l’idea di prendersi una pausa dall’attività sportiva.

Riflessioni del suo brillante trascorso nonché approfondimenti sui possibili scenari per la prossima stagione affidate all’avv. Guglielmo Boccia, dibattuto dall’idea di smettere o valutare la proposta pervenuta da una società di calcio ad undici femminile che potrebbe nelle prossime settimane rimescolare le carte in tavola.

Salve Presidente Boccia, dopo 16 lunghi anni di militanza come dirigente nel calcio a cinque femminile, nella prossima stagione ci potrebbe essere una pausa, forse momentanea della sua attività

Nel calcio così come nella vita, arriva prima o poi la fine di un percorso e di un ciclo, era inevitabile che dopo 16 lunghi anni di Presidenza questo momento potesse arrivare. Cambiano nel tempo le priorità e le esigenze, le attività dello studio legale si sono ulteriormente incrementate, richiedendo un sempre maggiore interesse ed una costante attenzione nell’organizzazione della professione. Ritengo di aver speso nel migliore dei modi questi 16 anni ricchi di soddisfazioni con l’intensificarsi di rapporti umani, sportivi e professionali che mi hanno dato visibilità oltre che in ambito locale anche oltre la Provincia e la Regione.

Tanta acqua è passata sotto ponti in questi anni. I momenti piu’ belli della sua esperienza

Ricordo con piacere gli inizi della mia Presidenza sportiva allorquando dirigevo una squadra locale sconosciuta, costretti a cambiare campo per allenarci, con due o tre palloni in dotazione e senza divisa o pettorina al seguito. Nel corso del tempo l’organizzazione è migliorata grazie anche alla preziosa collaborazione ricevuta da diversi persone conosciute durante il percorso.

Tra i ricordi più piacevoli annovero senza dubbio le due coppe Puglia vinte con il Martina, i due campionati regionali, il nostro miglior piazzamento tra le prime 4-5 squadre della serie A 2 nonchè l’aver annoverato diverse partecipazioni alla final four e final eight. Sicuramente tra le tante soddisfazioni la prima vittoria della Coppa Puglia nel 2011, nonché la promozione in serie A 2 ottenuta nel 2012, sono imprese che ancora tutt’oggi mi rimangono impresse nella mente.

Quale invece il momento meno piacevole vissuto

Senza dubbio, dopo aver conseguito la promozione in serie A nel Maggio 2012, il ricordo più amaro è il non aver potuto confermare le migliori calciatrici della rosa che legittimamente, allettate da proposte pervenute da squadre economicamente più attrezzate della nostra, quali la Lazio e la Ternana, decisero all’epoca di scegliere altri lidi; perdemmo in quell’annata le prestazioni di Tonia di Turi, Colosimo e Caputo vanificando, quello che sarebbe potuto diventare nel tempo un progetto serio ed ambizioso.

Le sirene dei soldi hanno cambiato le nostre aspettative, Colosimo è poi ritornata alla base dopo 2-3 anni, altre si sono perse per strada, alcune hanno avuto riscontri importanti nella loro carriera, motivo, quest’ultimo di grande soddisfazione ed orgoglio personale per aver contribuito a lanciare da Martina ragazze che poi si sono fatte valere in carriera.

Cosa ti ha insegnato lo sport in questi sedici anni ?

Ho iniziato a praticare sport sin da piccolo, dall’età di 3-4 anni giocando a tennis. Ho cercato nel tempo di trasmettere nel calcio i principi ed i valori cardine dell’ordine, della disciplina, dell’osservanza delle regole e del rispetto dei ruoli, condizione essenziale per il buon funzionamento del rapporto con dirigenti, direttore sportivi, calciatrici, mister, preparatore atletico, ed in generale con tutti i componenti dello staff.

Difficile immaginare un suo futuro lontano dallo sport. E’ lecito rivederla presto in altri contesti ?

Ho avuto una proposta da una società di calcio a 11 femminile e nelle prossime settimane farò una valutazione prendendo una decisione.

Siamo nell’estate che ha consacrato il calcio femminile in Italia grazie alle superlative prestazioni delle azzurre arrivate tra le prime 8 al mondo: come ha vissuto le gare delle azzurre ?

Il cammino delle azzurre ai mondiali ha suscitato grande interesse ed entusiasmo per l’intero movimento che ne sta traendo giovamento con l’aumento del numero delle iscritte alle scuole calcio nonché un probabile incremento delle nascite delle associazioni sportive, un autentico volano per le grandi società in cerca di affiliazioni nel territorio nazionale.

Tante calciatrici, diversi allenatori e dirigenti, quali sono i primi nomi che le vengono in mente ?

“Le calciatrici che ricordo con più piacere sono senza dubbio Loredana Carrieri, vero e proprio punto di riferimento per la squadra, una persona che ha sempre creduto nel nostro progetto.

Menzione speciale anche per Chicca Colosimo, atleta di grande professionalità, cresciuta nel nostro ambiente sin da piccola e passata al Real Statte prima di ritornare alla base, nonchè Isabel Pugliese nostro capitano storico per diverse annate a Martina.

Tra gli allenatori citazione per Piero Sergi e Christian Fanizzi, due mister che si sono distinti sugli altri per competenze e qualità umane.

I dirigenti infine che ricordo maggiormente con cui ho avuto l’onore di collaborare sono stati sicuramente Gianni Carrieri e Antonio Lino Cassano che mi hanno seguito nella prima parte del percorso nonché Mario Mastronardo e Stefano Laterza, preziosi nel loro supporto in A2.

Un doveroso riconoscimento per ultimo in ordine cronologico anche per Vito Totaro, persona leale e competente, un ottimo presidente che ricordo con piacere e affetto a cui sono legato da una stima e amicizia reciproca anche fuori dal campo. I nostri percorsi si sono divisi dopo l’ultima stagione trascorsa assieme a Conversano, rinfrancati dall’esserci salutati con un arrivederci e non con un addio”.

Calcioinrosa.it è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Arezzo al n. 5 del 08/08/2018
Copyright © Calcioinrosa 2005 - 2021  | Impostazioni tracciamento  |  Privacy Policy  |  Cookie Policy  |  Contatti  |  Disclaimer