SHARE

Giovane attaccante dei grifoni che ha nel colpo di testa, nel possesso pallo e nel tiro da fuori area i punti di forza del suo repertorio, ha percorso con soddisfacenti risultati la trafila nelle nazionali giovanili under 16 e under 17.

Reduce da un lungo infortunio di quattro mesi e mezzo, con le due sue reti nel finale di gara contro Milan Ladies e Roma calcio femminile aveva riacceso le speranze per la sua squadra di poter mantenere la categoria cadetta.

Commento di fine stagione in casa ligure affidata al gioiellino Teresa Fracas, classe 2001, risorsa del calcio nostrano ed interessante elemento di prospettiva in chiave azzurra.

Ciao Teresa, amaro finale di stagione per il Genoa Women

Siamo un po’ abbacchiate e tristi per l’esito della stagione, sapevamo che avremmo affrontato una gara difficile e impegnativa contro una buona squadra come la Novese che avrebbe venduto cara la pelle in campo. Siamo state sfortunate in determinate circostanze dell’incontro, onore comunque alle nostre avversarie che hanno conquistato la promozione nella categoria superiore per merito anche del loro portiere Milone che ha salvato il risultato in diverse occasioni.

Nel finale del campionato sembravi essere diventata il salvatore della squadra

Sono stata estremamente felice nel tornare a giocare dopo un lungo periodo di assenza durato ben quattro mesi e mezzo, rivelandomi decisiva nei minuti finali delle gare con il Milan Ladies e la Roma calcio femminile. Non era facile subentrare e fare centro in gare cosi’ delicate, riuscendo per un momento ad accendere le speranze per la permanenza nella serie cadetta.

Un giudizio sulla tua stagione

Per una serie di motivi fisici non sono potuta essere molto presente in campo ma anche fuori dal rettangolo di gioco non ho mai fatto mancare la mia presenza e il sostegno alla squadra. Positivo sicuramente il mio finale di campionato, in cui ho ripreso confidenza con il terreno di gioco, tornando anche a segnare.

Prospettive per la nuova annata

Il mio obiettivo è puntare a giocare il piu’ in alto possibile, ho tanta voglia di crescere e di restare nel giro nella nazionale azzurra; per la prossima stagione mi aspetto di giocare in una categoria uguale se non superiore a quella disputata in questa annata.

Ramella Fazzari fotografie