SHARE

Ha iniziato a giocare a calcio ad appena 8 anni, le piacerebbe giocare con Elisa Bartoli: intervista speciale a Serena Ceci, calciatrice della Florentia San Gimignano.

Ciao, una tua breve presentazione…

Ciao sono Serena Ceci, ho 28 anni e gioco nella Florentia San Gimignano. Ho iniziato a giocare a calcio a 8 anni, nella virtus Poggibonsi, una squadra maschile, a 14 anni sono passata al Siena, una squadra femminile. Sono rimasta al Siena per 6 anni ed è la società che mi ha fatto fare molta esperienza e dove sono cresciuta molto, sia caratterialmente che calcisticamente. Dopo che è fallito il Siena sono passata due anni alla Scalese dove ho fatto la prima esperienza in serie A, successivamente sono tornata un anno al Siena, ma appena finita la stagione avevo deciso di smettere e dedicarmi solo al lavoro. In seguito mi sono trasferita a Pisa e il caso ha voluto che quell’anno la squadra femminile del Pisa fosse allenata da una mia vecchia coach, quindi mi ha convinta a ricominciare, sono stata due anni lì e infine sono venuta alla Florentia, l’anno in cui era in Serie B. 

In che cosa vorresti migliorare dal punto di vista atletico?

Dal punto di vista atletico vorrei migliorare un po’ in tutto, credo che non ci siano limiti per quanto riguarda il migliorarsi.

Giochi da diverso tempo nella Florentia. Quanto sei legata a questo club?

Questo è il mio quarto anno alla Florentia, sono molto legata a questo club e al nostro presidente, amo questa maglia e sono onorata di indossarla.

In carriera hai sempre giocato nella tua Toscana, è stata una tua scelta?

In questi anni ho avuto delle proposte da squadre fuori dalla Toscana, ma un po’ per decisioni personali che riguardavano la famiglia o le amicizie, un po’ per una questione di immaturità e un po’ anche perché vedevo il calcio solo come una passione che prima o poi avrei dovuto abbandonare per andare a lavorare, ho sempre scelto di rimanere qui.

C’è una calciatrice con la quale sogni di giocare?

Credo che in ogni squadra ci siano delle calciatrici dalle quali prendere esempio o che comunque vorresti avere in squadra, ma se dovessi sceglierne una direi Elisa Bartoli, è un terzino come me e la stimo molto come calciatrice, è una vera guerriera in campo. 

Sulla prossima sfida…

Come prossima sfida affronteremo di nuovo la Roma per il ritorno di Coppa Italia. La Roma è veramente una bella squadra, ogni anno mi impressiona sempre di più. All’andata non abbiamo fatto una bella gara, forse la peggiore della stagione, quindi scenderemo in campo per dare il massimo e per rifarci.

Qual è il tuo obiettivo stagionale? E quale quello della tua squadra?

Il mio obiettivo stagionale è migliorare le prestazioni dell’anno scorso e migliorarmi personalmente. Come squadra vogliamo migliorare o eguagliare la posizione in classifica della scorsa stagione, siamo una squadra giovane con molte potenzialità ma abbiamo ancora tanto lavoro da fare.