SHARE
italia
(L'Italia festeggia dopo la rete contro la Bosnia - Fonte: Twitter @AzzurreFIGC)

L’Italia del Ct Milena Bertolini ritrova il filo del gioco offensivo e detta la propria legge in un “Renzo Barbera” pieno di entusiasmo superando la Bosnia per due a zero.

Le Azzurre, dopo gli esperimenti delle gare precedenti, ritrovano Alia Guagni, la formazione tipo che ci ha spinto nel gotha del calcio mondiale e quelle sicurezze che sembravano smarrite in questa prima fase del girone di qualificazione.

PRIMO TEMPO – Italia a trazione anteriore dai primi minuti, aiutati da un atteggiamento abbastanza difensivo delle avversarie, ne approfitta subito il duo Rosucci-Girelli che confeziona nel giro di tre minuti il vantaggio con la fantasista azzurra micidiale nel neutralizzare la marcatura e insaccare alle spalle di Haracic. La Nazionale azzurra continua a macinare gioco e arriva al raddoppio attorno  alla mezz’ora: un lancio lungo di Aurora Galli viene spizzato quanto basta per liberare al tiro Manuela Giugliano che può festeggiare così la rete (28′). L’Italia mantiene le redini del gioco e la prima frazione si chiude senza ulteriori sorprese.

SECONDO TEMPO – Tornate in campo le Azzurre non cambiano copione e continuano ad accelerare. Una splendida combinazione nel breve libera subito la Giugliano in area, la conclusione della play azzurra è però troppo angolata e l’azione sfuma. L’Italia cerca a più riprese la terza rete per recuperare terreno alla voce differenza reti ma un pò di imprecisione negli ultimi metri impedisce di centrare l’obiettivo nonostante un netto predominio territoriale e di possesso palla.

L’Italia vince e convince continuando il suo duello a distanza con la Danimarca in vetta alla classifica. Le Azzurre torneranno in campo a inizio novembre per inseguire il ticket d’accesso al prossimo Europeo.

Italia (4-4-2): Giuliani; Guagni, Linari, Gama, Bartoli; Cernoia, Giugliano (63′ Sabatino), Galli, Rosucci (78′ Greggi); Girelli, Giacinti (84′ Tarenzi). All. Bertolini. A disp. Durante, Aprile, Bergamaschi, Fusetti, Boattin, Tucceri Cimini, Marinelli, Serturini, Glionna.

Bosnia (4-3-3): Haracic; Dijakovic, Hasanbegovic M., Nikolic, Krso; Spahic, Ahmic (46’Vujadin), Aleksic; Spasojevic, Hamzic (60′ Damjanovic), Kapetanovic (80’Grebenar). All. Huren. A disp. Hodzic, Hasanbegovic E., Sakotic, Bektas, Gacanica, Koprena, Masinovic, Milovic