19/01/2022

Esclusiva CIR-Primavera Pomigliano: parla mister Vittorio Esposito

A margine della vittoria sulle pari età del Napoli, intervistiamo il giovane allenatore del Pomigliano, categoria Primavera

1) Mister, complimenti per il successo sul Napoli (2-0) in un girone complicato con un San Marino primo a quota 30, forse a sorpresa, a seguire la AS Roma a due lunghezze, poi 26 punti per la Fiorentina e 25 Sassuolo al momento nella final four. Nel girone 1, c’è l’Inter capolista con 25 punti, ad una sola lunghezza seguono appaiate Juventus e la new entry Milan, staccato a 19 il Verona al quarto posto. Quale potrebbe essere la finale?

Innanzitutto grazie per i complimenti; è stato un derby molto combattuto e vincerlo ci ha riempito di gioia visto che in questo campionato nulla è scontato. Rispetto agli scorsi anni, i due gironi sono estremamente più competitivi e fare oggi un pronostico appare difficile, ma per la Finale vedo un Roma-Inter con un occhio a Fiorentina, Milan e soprattutto Juventus che hanno in organico giovani calciatrici di altissimo livello.

2) Quale modulo preferisce per le sue squadre e qual è la filosofia di gioco?

Non mi sento particolarmente legato ad un sistema di gioco, anzi all’interno di questa stagione ho più volte cambiato. Mi sento più che altro legato ad una filosofia che faccia divertire le calciatrici con il “gioco” al centro di tutto. Penso che questo sia l’unico modo per formare queste giovani calciatrici e prepararle ad una prima squadra, vero e proprio obiettivo del Settore Giovanile.

3) Capitolo nazionale: le azzurre di Bertolini per qualificarsi al prossimo mondiale senza arrivare seconde che significherebbe andare agli spareggi, saranno costrette a vincere in Svizzera a causa del passo falso con la sconfitta (1-2 )di Palermo con le elvetiche.

Non sarà semplice battere la Svizzera che si trova a punteggio pieno, ma le nostre azzurre ci hanno abituato ad imprese eccezionali come quelle del Mondiale in Francia del 2019. La coach Bertolini ha l’esperienza necessaria per affrontare al meglio questo tipo di gara e regalarci la seconda qualificazione consecutiva ad un Mondiale, che significa visibilità per tutto il movimento calcistico femminile.

4) Ci racconti della sua Primavera, come siete strutturati e quali obiettivi avete?

Quest’anno la società ha deciso di investire molto di più nella Primavera e per questo motivo mi sento di ringraziare fortemente il Presidente Pipola ed il Direttore Biagio Seno che hanno pensato a me per guidare questa squadra. Grazie a questi investimenti ho potuto allestire uno staff di prim’ordine con Gianluigi Galdieri come Vice Allenatore, Dario Di Dato come Allenatore dei Portieri e Giuseppe Salatiello come Preparatore Atletico che sono persone fondamentali per la buona riuscita del mio compito. Inoltre ho avuto la possibilità già dal mese di Luglio di poter selezionare la rosa il che ha facilitato il mio lavoro. Come obiettivo, ci siamo posti quello di formare il maggior numero di atlete che nella prossima stagione possano far parte della Prima Squadra, il Direttore è sempre presente ed il Mister Panico, con il suo staff, è in costante contatto con noi, ci confrontiamo spesso, questo penso sia fondamentale in una società che vuole attingere dal Settore Giovanile.


 
5) La prossima stagione vedrà la A a 10 squadre e sarà professionismo: come mai, prima Bonetti all’Inter e poi Guagni al Milan sono rientrate in Italia, in un Paese come la Spagna, dove già c’è il professionismo?

Questo rientro in Italia di giocatrici così importanti non mi meraviglia per nulla. Le società, insieme alla Divisione, hanno lavorato tantissimo in questi anni per portare il calcio femminile al livello che merita e soprattutto per renderlo professionistico. Questo ha reso il nostro campionato “appetibile” e di conseguenza tante calciatrici accettano di giocare in Italia. Il prossimo anno con un campionato a 10 squadre sarà estremamente avvincente e sono convinto che continuando così il Campionato di Serie A femminile diventerà meta delle migliori calciatrici al mondo.

Calcioinrosa.it è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Arezzo al n. 5 del 08/08/2018
Copyright © Calcioinrosa 2005 - 2021  | Impostazioni tracciamento  |  Privacy Policy  |  Cookie Policy  |  Contatti  |  Disclaimer