SHARE

Ciao Eleonora, una tua breve presentazione (anni, ruolo,..)

Ciao, sono Eleonora Oliva, ho 21 anni, di ruolo sono un difensore e all’occorrenza sono impiegata come mediano; mi definisco una calciatrice molto grintosa che predilige l’impostazione del gioco quando è posizionata nel reparto arretrato.

Quando hai iniziato a giocare a calcio? Quali sono le tue esperienze in carriera?

Sin da piccola ho iniziato a giocare con i maschi insieme ai quali ho giocato fino all’età di 14 anni; dopo un periodo di pausa mi sono avvicinata al femminile, grazie alla proposta del mio mister dei maschi che nel frattempo aveva deciso di allestire una squadra in rosa con la Lavagnese. Con quest’ultima squadra abbiamo ottenuto diversi successi, vincendo al primo anno il campionato con la juniores; nella seconda stagione vincendo il campionato di serie C, classificandoci poi la stagione successiva come seconde nel campionato a 4 gironi di serie B conquistando cosí l’accesso al campionato di serie B nazionale. L’ultima stagione invece l’ho passata sempre in serie B nazionale con il Genoa Women.

A chi ti ispiri? Chi è il tuo idolo?

Non ho sinceramente un giocatore a cui mi ispiro proprio, però mi piace molto e mi ritrovo in Alessandro Nesta, per questo ho anche la maglia numero 13 qui a Cesena. 

Finora qual è stato il tuo più bel momento da calciatrice?

Vista la mia breve carriera nel femminile direi che il momento più bello per me sia stato quando ci siamo classificate seconde nel campionato di serie B a gironi, soltanto dietro alla Florentia che milita attualmente in serie A. 

Qual è secondo te il difensore italiano più forte? E l’attaccante?

A parer mio il difensore italiano più forte é Leonardo Bonucci. L’attaccante invece italiano più forte in questo momento è Ciro Immobile. 

Cosa ti porti dietro dall’esperienza con il Genoa Women?

Purtroppo è stata un esperienza brutta sia a livello calcistico che a livello umano con la società. Ho imparato che non è così scontato trovato società serie e oneste, come per esempio il Cesena. 

Come mai quest’estate hai deciso di approdare al Cesena? Che cosa ti ha convinta a sposare il progetto di questa squadra?

Quest’estate ho deciso di approdare al Cesena poiché fin da subito si sono dimostrate persone serie e professionali su tutti gli ambiti. Sono stata contattata personalmente dal mister e da tutta la società sentendomi molto voluta, il mister è stato sicuro uno dei tanti motivi del mio approdo qui a Cesena essendo molto preparato, potendo quindi imparare parecchio. Mi ricordo appunto la stagione precedente il cambiamento che è stato fatto dalla squadra del Cesena con l’arrivo del mister Roberto Rossi. In più conoscevo già un po’ la squadra e anche loro sapevo fossero forti, ero e sono tuttora sicura che sarà un bell’anno calcistico. 

Qual è il tuo obiettivo per questa stagione? E qual è l’obiettivo del tuo club?

Il mio obiettivo per questa stagione è fare il meglio possibile per me stessa e per la squadra, mettermi a disposizione della società e del mister per raggiungere ogni nostro obiettivo. E successivamente imparare e migliorare per togliermi un po’ di soddisfazioni mie personali. L’obiettivo del club è quello di migliorare la posizione in classifica dell’anno scorso.. ma con questa squadra, questo ambiente e questo staff sicuramente ambieremo ai primi posti, nonostante per adesso la ruota non sia girata a nostro favore per diversi motivi, ci toglieremo molte soddisfazioni, a parer mio si può dire che la classifica è molto bugiarda. 

Cosa ne pensi della Nazionale italiana femminile? Cosa sogni nel tuo futuro?

Io credo che grazie alle ragazze della Nazionale, durante questi mondiali siamo riuscite a dire anche noi la nostra a tutto il popolo italiano, sono riuscite a farlo gioire, soffrire ed appassionare. È stato un passo molto importante che penso possa segnare finalmente l’inizio di una nuova era per il calcio femminile. Il sogno che ho per il mio futuro è sicuramente raggiungere la massima serie.