SHARE

All’ Olivieri di via Sogare arriva la capolista Juventus ad affrontare il nuovo Chievo di mister Bonazzoli alla sua seconda panchina in gialloblu. Infermieria piena per il Valpo che comunque riesce a tenere testa alle bianconere offrendo una prova grintosa e coraggiosa.

Parte bene il Chievo, Valentina Boni al 5’ serve ottimamente Debora Mascanzoni che di prima intenzione tira colpendo il palo, sulla ribattuta incredibilmente anche Tarenzi coglie nuovamente il palo che salva la Juve.

Nei minuti successivi la Juventus prova a prendere le redini del gioco, ma il Chievo si difende bene non lasciando spazi a occasioni avversarie.

Al 15’ il primo vero tiro in porta della Juve è di Aurora Galli che non trova però lo specchio della porta.

Al 22’ ancora azione corale della Juventus, Caruso viene servita sulla destra dell’area e senza pensarci due volte fa esplodere un bel diagonale che però esce alla sinistra di Raicu.

E’ il 25’ quando arriva il terzo legno di giornata del Chievo che coglie una traversa piena ancora con Debora Mascanzoni.

Al 27’ Sikora stende Debora Mascanzoni, rimediando l’ammonizione, la punizione è da buona posizione, ma Boni impatta la sfera non perfettamente spedendo il pallone direttamente a lato del primo palo della porta difesa da Bacic.

Al 37’ occasione bianconera: Sikora mette un cross da destra per l’incornata di Bonansea, ma il suo colpo di testa finisce alto.

Al 39’ bella azione del Chievo in uno-due tra Tarenzi e la ritrovata Mason, con Tarenzi che trova una bella conclusione di sinistro che vola di poco sopra la traversa.

Due minuti più tardi è invece Bonansea che crossa dalla destra, ma il pallone incredibilmente sfila davanti alla riga di porta senza che nessuno intervenga fino ad arrivare a Boattin dalla parte opposta che calcia verso Raicu, ma le sfera esce sul fondo.

La ripresa si apre con la Juventus che spinge forte alla ricerca del gol del vantaggio, al 51’ è ancora Bonansea ad avere una buona occasione mettendo fuori da distanza ravvicinata un traversone di Boattin.

Al 56’ è Gama con un colpo di testa ad andare vicina al gol, ma Raicu si oppone bene bloccando a terra.

Al 58’ grande ripartenza a sinistra del Chievo con Mason che innesca il veloce fraseggio tra Boni e Tarenzi che non riesce ad agganciare l’ultimo passaggio per la deviazione in porta.

Passa un minuto ed è la Juventus a trovare il gol del vantaggio con Aluko, brava a sfruttare un’incertezza difensiva in mischia nell’area piccola delle padrone di casa.

Al 71’ arriva il raddoppio delle bianconere: un’errore gialloblu sulla sinistra permette ad Aluko di entrare in area e servire dall’ altro lato l’accorrente Glionna che batte Raicu con un diagonale sotto l’incrocio dei pali.

Al 75’ Tarenzi prova a sorprendere Bacic fuori dai pali dalla lunga distanza, ma la sua conclusione non trova la porta.

Poco dopo il Chievo trova una punizione da buona posizione centrale per atterramento di Tarenzi, si incarica della battuta la mancina Varriale che però calcia alto.

Al 79’ torna sugli scudi la Juve con palla proveniente da calcio d’angolo, ma Gama alza di testa sopra la traversa.

Il Valpo non si arrende nonostante la Juve dimostri più freschezza e prova a trovare qualche spazio in ripartenza, come all’81’ quando Varriale sulla sinistra appoggia per Boni, palla poi a Tarenzi che prova il numero al volo di sinistro, ma il pallone finisce abbondantemente fuori dallo specchio della porta.

All’ 83’ la neoentrata Nick cerca il terzo gol bianconero, ma il suo sinistro sfila direttamente sul fondo.

Il match si conclude con la vittoria della capolista per due reti a zero. Onore comunque al Chievo che ha saputo offrire un’ottima prova corale di buon auspicio per il girone di ritorno.

Sabato prossimo il Valpo sarà impegnato a Bari in uno scontro importantissimo in chiave salvezza.

CHIEVOVERONA VALPO – JUVENTUS 0-2

ChievoVerona Valpo

25 Raicu, 21 Mascanzoni Da., 26 Varriale, 77 Sardu, 23 Faccioli, 3 Ledri, 7 Mascanzoni De., 9 Fuselli, 8 Mason, 10 Boni (C), 17 Tarenzi

A disposizione: 1 Gritti, 5 Salamon, 6 Zamarra, 11 Pirone, 90 Prost, 14 Tardini, 4 Olivini

Allenatore: Emiliano Bonazzoli

Juventus

42 Bacic, 2 Hyyrynen, 3 Gama (C), 4 Galli, 7 Cernoia, 9 Aluko, 11 Bonansea, 18 Glionna, 21 Caruso, 23 Salvai, 25 Sikora

A disposizione: 12 Russo, 10 Girelli, 13 Boattin, 15 Panzeri, 16 Nick, 24 Bragonzi, 31 Bellucci

Allenatore : Rita Guarino

Reti

59’ Aluko

71’ Glionna

Ammonizioni

27’ Sikora

38’ Bonansea

82’ Galli

Sostituzioni

25’ Boattin per Salvai (J)

53’ Zamarra per Mascanzoni Da. (C)

72’ Prost per Mason (C)

73’ Nick per Caruso (J)

78’ Bragonzi per Aluko (J)

87’ Pirone per Mascanzoni De. (C)