SHARE

Dall’Olimpus alla Kick Off passando per la Nazionale Italiana con la quale si trova attualmente in ritiro a Varazdin. Arianna Pomposelli è il terzo colpo di mercato del club bianconero che continua a dimostrare di voler puntare sulla qualità nella strategia di ricostruzione della rosa vincitrice della Coppa Italia.
Per Pomposelli – che nel frattempo si è laureata in Lettere – si prospetta un cambio di vita radicale, dopo le ultime 6 stagioni all’ombra del Colosseo tra L’Acquedotto, Lazio e Olimpus (due anni per ciascuna maglia).
“Avevo voglia di mettermi in gioco e di vivere un’esperienza di vita lontana da casa. Sono stata a Montesilvano a 19 anni ma ero piuttosto giovane, ora mi sento maturata e pronta a questo nuovo step. Perché la Kick Off? Perché è una società seria nella quale posso imparare ciò che ancora non so: penso per una giocatrice la cosa più importante sia non sentirsi mai arrivati e pensare sempre di poter crescere e migliorarsi consapevoli del proprio bagaglio. Ancor meglio se questo avverrà in un club che compete da sempre ad alti livelli e gioca un futsal bellissimo”.
E poi c’è Vanin. “La numero 1 in Italia tra le straniere secondo me. Sono contentissima di poter giocare al suo fianco”.
Prima del bianconero, pero, c’è l’azzurro della Nazionale e il quadrangolare di Varazdin.
“Ci stiamo allenando tanto e stiamo mettendo a punto situazioni tattiche già studiate negli ultimi raduni. Il gruppo è affiatato, puntiamo a fare bene nella Women Futsal Summer Week Cup per dare un segnale che anche il futsal femminile, oltre al calcio femminile, è in forte sviluppo”.

In bocca al lupo Arianna, la Kick Off ti aspetta.

Ufficio Stampa