SHARE

Punta esterna dello scacchiere rossoblù, dotata di una buona tecnica individuale e di uno spiccato senso del goal, oltre a disputare delle buone prestazioni ha realizzato 5 reti in stagione, realizzando quattro centri in campionato ed uno in Coppa.

Dopo aver iniziato la carriera agonistica con il Pontevecchio ha trovato la giusta collocazione nella squadra emiliana, percorrendo tutta la trafila dal settore giovanile alla prima squadra.

Scheda di presentazione per Alessia Minelli, classe 2000, finalizzatrice implacabile del reparto offensivo del Bologna, match winner dell’ultimo successo rossoblù.

Ciao Alessia, per iniziare una breve presentazione

Ciao, sono Alessia Minelli, ho 19 anni e sin da piccola ho rivestito il ruolo di esterno alto mentre da questa stagione gioco come punta nello schieramento del Bologna previsto con due attaccanti, giostrando nel reparto di sinistra.

La tua carriera agonistica

Ho iniziato a tirare i primi calci ad un pallone all’età di 5 anni, invogliato dai miei cugini; a livello agonistico ho mosso i primi passi con i maschietti del Pontevecchio; all’età di 12-13 anni mi sono trasferita nel Bologna calcio femminile dove ho iniziato il mio percorso in maglia emiliana che mi ha visto alternare, specie tra i 14 e 16 anni tra il settore Primavera e la Prima squadra, giocando di frequente sia il sabato che la Domenica.

A chi ti ispiri ?

Il Bologna è la mia squadra del cuore, mi piace Orsolini mentre da piccola ammiravo Andrea Pirlo, la cui maglia mi fu regalata da mio nonno durante i mondiali di calcio del 2006; nella Juventus mi entusiasmano invece Dybala e Beranrdeschi.

La tua scelta di giocare in rossoblù

Pur avendo ricevuto proposte da altre società ho preferito restare a Bologna, in modo da poter continuare nel migliore dei modi il mio percorso di crescita e di maturazione sia come atleta che come studentessa universitaria, frequentando il corso di Scienze della Comunicazione.

Il Bologna femminile

Siamo una squadra profondamente rinnovata e giovane rispetto alle passate stagioni, animata da tanta voglia di crescere e migliorare; il mister è riuscito in poco tempo a trovare la giusta amalgama del gruppo, dando un equilibrio tra i reparti, riuscendo tra l’altro a farci disputare un buon calcio; nonostante le prime sconfitte iniziali, non ci siamo persi d’animo riuscendo a risalire la classifica, ottenendo tre risultati utili consecutivi che ci fanno ben sperare per il futuro.

La tua rete al Grifone Gialloverde

Segnare una rete per un attaccante è fondamentale, ogni goal regala delle emozioni uniche e particolari; dedico la mia ultima marcatura a mia madre che ha la pazienza di incoraggiarmi e seguirmi sempre da tanti anni.

La gara di Coppa con il Vicenza

Pur non conoscendo i nostri avversari siamo consapevoli che ci aspetta una gara ostica, dovendo affrontare una squadra capolista del proprio girone come il Vicenza; daremo il massimo in campo, cercando di sfruttare il fattore campo per passare il turno.