SHARE

Rinforzo di lusso del mercato di riparazione, ha contribuito con le sue 14 reti alla vittoria del campionato di terza serie dei rosanero, al termine di un emozionante duello con il Vittorio Veneto.

Cresciuta a Vigevano, ha iniziato la sua attività agonistica giocando a basket prima di riscoprirsi calciatrice siglando una valanga di goal nella terza serie prima di approdare in serie A con l’Atalanta Mozzanica e dallo scorso Dicembre alla Riozzese.

All’indomani della bruciante sconfitta nella gara playoff e alla vigilia della finale di Coppa con il Napoli, diamo voce a Biancamaria Codecà, classe 1993, uno degli elementi di maggior spicco della rosa della squadra di Salterio chiamata a giocarsi nelle prossime due gare un’intera stagione.

Ciao Biancamaria, per iniziare una tua breve presentazione

Ciao, sono Biancamaria Codecà, sono un attaccante, classe 1993, ex giocatrice di pallacanestro che ha nella velocita’ la sua dote migliore.

Le tue esperienze calcistiche

Ho iniziato a giocare a pallone nella mia città a Vigevano, poi a 11 anni mi sono presa una pausa, provando a giocare a basket; dalla stagione 2016/17 ho ripreso l’attività agonistica calcistica militando in serie C nelle fila del Mortara, a seguire nel Gropello San Giorgio prima di approdare la scorsa annata in serie A con la maglia dell’Atalanta Mozzanica con cui ho disputato la massima serie, siglando anche una rete; a partire dal Dicembre 2018 sono approdata alla Riozzese con cui ho siglato in campionato 14 reti.

La finale playoff persa con la San Marino Academy

Il rigore al quarto d’ora ha un po’ cambiato l’inerzia della partita, abbiamo provato in tutti i modi a riequilibrare le sorti del match senza purtroppo riuscirci. Al di là del risultato ottenuto, abbiamo comunque dato dimostrazione di volere a tutti i costi fare risultato, non mollando mai nel corso della gara. Daremo tutto il possibile per centrare l’obiettivo nella prossima gara spareggio.

Faccio i complimenti alla San Marino per aver centrato il traguardo del salto di categoria, resta per noi, al momento, il rammarico di prendere atto di un regolamento che non consentiva di promuovere in serie B la vincente di un campionato così lungo e impegnativo.

Chi preferireste incontrare nello spareggio ?

Non ho nessuna preferenza, Milan Ladies o Genoa sono avversari che affronteremo con rispetto e concentrazione.

La vostra arma vincente

La forza del gruppo, l’essere affiatate con tutte le compagne di reparto è la nostra arma in più che potrebbe fare la differenza.

La Coppa Italia

La Coppa vale quanto il campionato, affronteremo un Napoli carico e motivato per la promozione ma noi lo saremo altrettanto perché ci teniamo quanto loro ad alzare il trofeo.