Asd Phoenix Trani, Paolo Lomolino, “Vogliamo dare la possibilità alle ragazze del territorio di divertirsi, giocando a calcio”

Alla scoperta dell’Asd Phoenix Trani, neonata società di calcio femminile che si appresta a disputare il campionato di Eccellenza, proponendosi come nuova realtà emergente del territorio della provincia della Bat (Barletta-Andria-Trani).

Ne abbiamo parlato con Paolo Lomolino, dirigente storico del calcio femminile locale.

Salve Paolo, come è nata l’idea di questo progetto ?

“La maggior parte della dirigenza vien fuori dall’altra società presente su Trani (l’Apulia) all’interno della quale, 25 anni orsono, sono stato artefice e creatore del movimento femminile; la nostra intenzione è quella di rimettere in piedi il nostro modo di interpretare lo sport, dando la possibilità alle ragazze del territorio di poter giocare a calcio”.

La ripartenza del campionato di Eccellenza

“La nostra categoria è equiparata a quella maschile che ha avuto il via libera dagli organi competenti nei giorni scorsi; siamo in attesa e fiduciosi di decisioni ufficiali anche se si prospetta l’ipotesi di essere unificati ad altre regioni limitrofe per garantire la ripartenza del torneo”.

La rosa della squadra

“Abbiamo un folto gruppo di 30 ragazze giovani e con esperienza, diverse provengono da esperienze passate nel calcio ad undici, altre dal calcio a cinque; in una regione dove Pink Bari ed Apulia Trani investono maggiormente sulle straniere e il Lecce Women appare distante come collocazione, ci siamo proposti come bacino di un’utenza che aveva voglia di rimettersi in gioco in un territorio che non offriva altre opportunità, se non quella di adattarsi al calcio a cinque”.

Il programma della preparazione

 “Ci alleniamo un paio di volte alla settimana al centro sportivo Ponte Lama di Trani, salvo in questo periodo di zona rossa in cui siamo tenuti a rispettare i provvedimenti previsti dai decreti”.

Obiettivi stagionali

“Abbiamo un bel gruppo di ragazze entusiaste e motivate di ripartire; non ci proponiamo ambizioni ed obiettivi particolari se non quello di tornare a far divertire le atlete, poi tutto il resto che ne consegue è solo guadagnato; la guida della squadra sarà affidata ai due mister Massimo Strippoli e Michele Di Marzo, personale esperto e qualificato con una buona conoscenza della realtà del calcio femminile locale”.