SHARE

OROBICA – HELLAS VERONA 1-0

OROBICA CALCIO BERGAMO: Lonni, Fodri, Vavassori, Barcella (dall’8’ st Foti), Segalini, Merli Luana (dal 14’ st Tihsler), Brasi, Merli Cristina (dal 42’ pt Massussi), Poeta, Viscardi, Czeczka. A disposizione: Bettineschi, Milesi Giorgia, Assoni, Madaschi. All.: Marianna Marini.

HELLAS VERONA WOMEN: Forcinella, Goula (dal 6’ st Baldi), Berdin, Ambrosi, Molin, Nichele, Wagner, Dupuy, Poli (dal 41’ pt Giubilato – dal 45’ st Campesi), Rus, Harsanyova. A disposizione:  Fenzi, Alunno, Osetta, Veritti. All.: Sara Difilippo.

ARBITRO: Sig. Michele Delrio di Reggio Emilia – ASSISTENTI: Sig. Graziano Berti di Arco Riva e Sig. Andrea Blasiol di Bolzano.

MARCATRICE: 28’ pt Luana Merli (O).

AMMONITE: 8’ pt Ambrosi (H), 24’ st Harsanyova (H).

ESPULSA: dopo la fine della partita Rus (H).

 

L’Orobica finalmente muove la classifica e conquista i primi tre punti della sua stagione battendo l’Hellas Verona Women per 1 a 0 nel recupero della seconda giornata di Serie A. Vittoria perentoria nel primo tempo e sofferta nel secondo tempo quando le venete hanno profuso il massimo sforzo senza però creare troppi pericoli per la retroguardia bergamasca.

Formazione quella di mister Marini che vede alcune giocatrici acciaccate come Foti, Poeta e Luana Merli nonché le stoiche Cristina Merli e Lia Lonni in campo con una mascherina protettiva al naso per i colpi ricevuti al naso nella precedente partita. Out ancora prolungato per Martina Zamboni.

Che le ospiti siano venute per fare bottino pieno lo si capisce fin dalle prime battute vista l’aggressività delle giocatrici venete ma è l’Orobica ad avere la prima grande occasione al 9’ quando Fodri, ben servita in area da Czeczka, sulla destra avrebbe Luana Merli tutta sola davanti alla porta ma decide di tirare con conclusione sopra la traversa. Altra bella trama delle bergamasche al 15’ con una discesa di Vavassori sulla fascia destra, quindi palla per Cristina Merli che di piatto al volo fa proseguire Luana Merli, peccato che il passaggio sia leggermente lungo e questo permette l’uscita di Forcinella. Un minuto dopo ancora un’azione sulla destra, questa volta è Cristina Merli a trovarsi in area di rigore ma la sua conclusione in scivolata viene ribattuta da un difensore. Al 28’ gli sforzi dell’Orobica sono premiati: Cristina Merli dalla trequarti imbecca Luana Merli che buca centralmente la retroguardia scaligera, elude l’uscita del portiere e da posizione defilata mette la palla nel sacco. Le ospiti subiscono il colpo e provano a reagire ma lo fanno solo al 30’ con un timido tentativo di Rus dal limite sinistro dell’area parato senza difficoltà da Lonni. L’Orobica insiste ed al 32’ avrebbe l’occasione per il raddoppio: palla in profondità in area da Barcella a Fodri che salta il portiere ma si defila sulla destra quindi mette al centro per la stessa Barcella che a pochi metri dalla porta tira debolmente. Il tempo termina con l’Orobica meritatamente in vantaggio.

Nella ripresa il ritmo cala per il forte caldo e la partita non offre particolari spunti di cronaca se non all’11’ quando Lonni devia in angolo un sinistro di Rus. L’Orobica tiene bene gli attacchi delle ospiti che non riescono a creare veri e propri pericoli per la porta bergamasca. Solo allo scadere prima Baldi non riesce a servire Rus tutta sola davanti alla porta e poi è la stessa Rus che non dosa bene il passaggio in area per la possibile conclusione ravvicinata di Wagner. L’incontro termina con la meritata vittoria dell’Orobica.

Dunque tre punti molto importanti conquistati contro un’avversaria di valore e che mettono le bergamasche in una posizione di classifica migliore oltre a fare morale per affrontare le successive partite ravvicinate. Nonostante gli acciacchi la formazione di mister Marini ha saputo mettere in campo voglia e cuore oltre ad una buona impostazione tattica e una condizione atletica di tutto rispetto. Plauso globale alla difesa compatta e esente da errori. Centrocampo solido che oltre a creare in avanti ha saputo dare anche una grossa mano alla retroguardia con una Chiara Poeta polmone e anima di questo reparto. In attacco crescita evidente di Cristina Merli autrice del meraviglioso assist per una Luana Merli sempre puntuale all’appuntamento con il goal. Menzione particolare per Karin Czeczka giocatrice ovunque, utilissima in ogni zona del campo.

Ora c’è poco tempo per godersi questa vittoria perché già sabato al “Giacinto Facchetti” di Cologno al Serio arriverà il Chievo Verona reduce anch’esso da un successo contro il Pink Bari. L’Orobica cercherà di proseguire in questo trend positivo e di mettere in cascina altri punti fondamentali. Forza ragazze!

 

Antonio Castiglione

Ufficio stampa Orobica