Antonio Genovese : “Le azzurre, poco allenate, faticheranno più del previsto con il Portogallo ma alla lunga dovrebbero spuntarla”

Pronostici e approfondimenti sull’Algarve Cup e sull’emergenza Coronavirus che sta condizionando i campionati di calcio, affidati “all’allenatore in carrozzina” Antonio Genovese, primo ed unico mister diversamente abile con patentino Professionista UEFA A del calcio italiano.

Salve mister Genovese, un suo pronostico per la gara Portogallo-Italia dell’Algarve Cup

Per l’Algarve Cup vedo bene le nostre azzurre ma… non la prima partita… si è giocato poco ed allenato meno per il coronavirus e le portoghesi hanno buone individualità…faticheremo piu’ del previsto ma siamo l’Italia e quindi…passeremo.

Chi sono le favorite alla vittoria del torneo?

Sembrerò retorico ma…le solite degli ultimi anni… è cambiato poco come ranking se non una crescita nostra e della Nazionale inglese.

Un commento sulle “sconvocate” per il Coronavirus. Precauzione o psicosi ?

Evito di esprimermi perché parlando di “indisponibilità di alcune atlete” si è detto tutto e non si è detto nulla …ancora non si capisce se siano state giocatrici, società o Federazione. Credo precauzione ma senza un comunicato ufficiale chiaro è difficile esprimersi.

Nell’elenco avrebbe inserito altre atlete?

Andando a sostituire elementi importanti con altrettanti buoni prospetti… tra queste Bonfantini sempre in costante crescita qualitativa e di produttività difficile fare meglio… forse Serturini ma …al posto di chi?

Il mister Capello avrebbe dichiarato che le misure delle porte e del campo andrebbero ridimensionate. Cosa ne pensa?

Rispetto un Mister come Capello che ha vinto tanto ma… non condivido..  il calcio è uno ed uno solo e… negli ultimi tempi le squadre più forti vanno a cercare non solo brave giocatrici ma.. “di fisico” .. basti guardare la Fiorentina che in assoluto credo abbia la media delle giocatrici più alte ed i rinforzi delle concorrenti nella stessa ottica… il Milan ad esempio con l’ultima sessione di mercato ha portato anzi…  riportato in Italia Thorsvaldottir (in passato  al Verona) e Begic (con me lo scorso anno ad Empoli)…
Così sarebbe anche riduttivo… si gioca sempre più in velocità e costruzione del gioco a centrocampo e…con questi elementi riduciamo campo e porte? Non avrebbe senso… un gigante fa fatica a stare in una 500….

Giusto fermare il campionato di B e C o si poteva giocare a porte chiuse?

Si poteva giocare a porte chiuse magari rimborsando i tifosi…con possibilità di vedere gratis le partite tramite streaming o canali privati…
Ho appena letto che una pizzeria milanese offrirà gratuitamente la pizza a medici…infermieri e tutti coloro che in questo momento si adoperano per gli altri…. perché il calcio non potrebbe farlo con i propri tifosi? Senza i propri supporters il calcio ne riduce la bellezza… non possono partecipare…almeno che possano guardare in altro modo… gratis… le proprie beniamine.