SHARE

Alia Guagni come Giancarlo Antognoni dichiara “Firenze è casa mia”. Il terzino della nazionale ha rinnovato il proprio contratto con la squadra gigliata rifiutando la proposta di un contratto triennale da 250mila Euro con il Tacon, la squadra che dalla prossima stagione sarà ufficialmente il Real Madrid. Tutto ciò darà ancor più valore a quanto dato finora alla sua città e alla sua squadra da questa ragazza, che la candiderà a pieno titolo a icona del calcio femminile fiorentino.

Ma chi è Alia Guagni? Nata a Firenze nel 1987, si è appassionata al calcio all’età di 9 anni giocando al parco assieme al cugino. Cresciuta nel vivaio del Firenze approda alla B nella stagione 2002/03, contribuendo con 15 reti alla promozione in A2, nel 2005/06 con la stessa squadra raggiunge la Serie A rimanendoci per due stagioni consecutive per poi essere di nuovo retrocessa in A2. Nella stagione 2009/10 Il club di Firenze e di Alia torna di nuovo in A fino al 2015 quando viene rilevato dall’attuale Fiorentina.

Calciatrice completa, non solo un difensore perché grazie alla sua tecnica e alla sua velocità può ricoprire anche il ruolo di esterno offensivo: non a caso con la maglia del Firenze è stata capocannoniere nei campionati di A2 nel 2008/09 e 2009/10 realizzando rispettivamente 27 e 16 reti.

Nelle estati del 2013, 2014, 2015 ha militato nella seconda divisione statunitense quando il nostro campionato era fermo, con la formula del prestito. Ha indossato la maglia del Seattle P.H.A. guidata da Antonio Cincotta (dove ha vinto il titolo dello stato di Washington e la coppa nazionale), quella del Pali Blues di Los Angeles, e del FC Tacoma 253 di Washington.

Laureata in scienze motorie, con la maglia dell’ACF Fiorentina W. è stata calciatrice dell’anno 2017 e 2018, vincitrice di due Coppe Italia (2016-17 e 2017-18), una Supercoppa Italiana (2018) e uno scudetto (2016-17) celebrato sul terreno del Franchi che fino a poco tempo prima aveva visto solo dagli spalti.

In azzurro vanta la partecipazione ai mondiali U-19 disputati in Thailandia nel 2004, e nella nazionale maggiore 75 presenze e 5 reti tra cui la partecipazione agli Europei 2009 in Finlandia e i recenti Mondiali in Francia.

Queste le sue parole pubblicate nella propria pagina Facebook: “Un ringraziamento caloroso a tutti coloro che mi hanno scritto in queste ore…il vostro affetto come sempre mi spingerà a dare ancora di più per la nostra bellissima maglia! E un ringraziamento speciale al presidente Commisso e al Dr. Barone che, nonostante i loro molteplici impegni, hanno trovato il tempo di chiamarmi per ringraziarmi della scelta che ho fatto! Un onore per me vestire ancora questi colori e sono sicura che con voi si possano fare davvero grandi cose! Grazie al Prof. Vergine che fin dall’inizio hai creduto in noi”.

Non solo rinnovi però in casa Viola, perché dopo l’ufficializzazione di Paloma Lazaro, arriva per le toscane anche l’ingaggio della centrocampista classe 1998 Marta Mascarello, proveniente dal Tavagnacco. Nel suo palmares vanta una vittoria nel campionato cadetto con la maglia del Cuneo nel 2016 e due bronzi in maglia azzurra U-17 ottenuti agli europei in Inghilterra e ai mondiali in Costa Rica disputati entrambi nel 2014.