SHARE

Va al Chieti Calcio Femminile il derby con il Pescara giocato al Poggio degli Ulivi di Città Sant’Angelo: le neroverdi si impongono con un netto 3-0 e tornano prime in classifica con un punto di vantaggio sulla coppia Res Women e Palermo Women.

Ottima la prestazione della formazione di Mister Lello Di Camillo che ha imposto il suo gioco sin dai primi minuti con le giocatrici di casa che hanno avuto una sola grande occasione durante i novanta minuti arrivata però sul finale di una gara ormai decisamente compromessa per la squadra di Mister Mucci.

Il Pescara è reduce da due sconfitte consecutive, il Chieti è invece l’unica imbattuta nel girone.

Fra le teatine torna in campo dal primo minuto Vukcevic, nel Pescara si segnalano assenze pesanti fra le quali Del Rosso, Primi e Di Tullio.

Parte subito forte il Chieti che al 7′ sfiora il gol con Vukcevic, pronta alla girata su cross di Stivaletta, altrettanto pronta è Dilettuso brava a distendersi e deviare il pallone.

Al 10′ è ancora Stivaletta a mettere la sfera verso il centro, ma Pagano salva deviandola in angolo.

Le neroverdi passano in vantaggio al 17′: Vukcevic disegna una traiettoria perfetta su calcio d’angolo per Giulia Di Camillo che gira al volo verso la porta e segna un gran gol.

Il Pescara accenna una timida reazione e al 22′ è Pasciullo ad impegnare Falcocchia su calcio di punizione dalla fascia con il portiere neroverde che respinge il pallone.

Al 28′ un bel tocco volante di Vukcevic mette in movimento Stivaletta che però tira alto.

Il Chieti insiste e al 40′ sfiora il raddoppio: una ripartenza veloce mette in movimento Galluccio che se ne va in azione personale, ma Dilettuso è brava a deviare la sua conclusione.

Si va dunque al riposo con le ospiti in vantaggio per 1-0.

Alla ripresa delle ostilità il Chieti impone sin dai primi minuti le sue trame di gioco e mette in seria difficoltà le pescaresi . Al 2′ è Vukcevic a tirare a lato. Tre minuti dopo Cutillo, fra le migliori in campo, ci prova dalla grande distanza, ma Dilettuso blocca.

Al 6′ il Chieti trova la rete del raddoppio: Stivaletta si libera di prepotenza fra i difensori del Pescara e lascia partire una conclusione da  fuori area che non lascia scampo a Dilettuso.

Le neroverdi insistono con il Pescara che arranca decisamente di fronte ai continui attacchi di Stivaletta e compagne.

Al 16′ è Vukcevic a mettere di poco alto su suggerimento dalla fascia di Esposito.

Un minuto più tardi un gran destro dalla distanza della stessa Vukcevic si stampa sul palo.

Il Chieti cala il tris al 17′ con Cutillo che trova il gol con un preciso tiro a giro sul palo lontano.

L’unico sussulto del Pescara nel secondo tempo arriva al 35′ quando De Leonardis colpisce in pieno la traversa con una conclusione dal limite dell’area.

Al 39′ su calcio d’angolo dell’onnipresente Vukcevic (ottima la sua partita) è Giulia Di Camillo a colpire di testa mettendo di pochissimo a lato.

Un minuto dopo Galluccio fa tutto da sola, arriva di fronte a Dilettuso, la scavalca con un lob, ma sulla linea di porta è Di Domenico a salvare il Pescara dalla quarta capitolazione.

Finisce 3-0 per il Chieti che si riprende la testa della classifica mantenendo l’imbattibilità.

Le neroverdi sono attese domenica prossima dall’impegno casalingo contro il Lecce Women, quarta forza del girone.

TABELLINO DELLA GARA:

PESCARA- CHIETI CALCIO FEMMINILE 0-3

Pescara: Dilettuso, Di Domenico, Fiore B., Giuliani N., Pagano, Pasciullo, Copia, Severino (25′ st Angelini), Fiucci, De Leonardis, Bruno (20′ st Fiore G.).

A disp.: Piscicelli, Ferragalli, Mastronuzzi, De Marcellis, Cannone.

All.: Francesco Mucci

Chieti: Falcocchia, Di Camillo Giada, Ferrazza, Benedetti (41′ st De Vincentiis), Vukcevic (41′ st Colavolpe), Cutillo (33′ st Gangemi), Galluccio, Di Camillo Giulia, Stivaletta (41′ st D’Intino), Carnevale (25′ st Di Lodovico), Esposito.

A disp.: Seravalli, Di Sebastiano, Venditti, Colecchi.

All.: Lello Di Camillo

Arbitro: Traini di San Benedetto del Tronto

Assistenti: Di Marte e Groth di Teramo

Marcatrici: 17′ pt Di Camillo Giulia, 6′ st Stivaletta, 18′ st Cutillo

Ammonite: Pasciullo e Bruno (P)

IMPRESSIONI POST PARTITA DI BARBARA BENEDETTI: 

“Questa vittoria regala tanto morale a tutta la squadra. È importante essere tornate in testa, ma sarà altrettanto importante ora non abbassare il livello di guardia perché il campionato è ancora molto lungo.

Abbiamo avuto un approccio alla partita molto forte e motivato. Loro sono riuscite a fare poco durante i novanta minuti: siamo entrate in campo con la giusta mentalità mettendo in chiaro sin dai primi minuti quale direzione avremmo voluto imporre alla gara. È arrivato subito il gol di Giulia e siamo riuscite a gestire bene segnando poi le altre due reti nel secondo tempo. I tre punti ci riportano in cima alla classifica, ma soprattutto questo successo ci dà molta consapevolezza dei nostri mezzi: aver dominato dal primo all’ultimo minuto ci ha fatto capire le nostre potenzialità.

Siamo rimaste concentrate per tutto il match. Vorrei fare i complimenti a chi è entrato nel secondo tempo perché ci ha dato un apporto importante: è bello vedere che anche chi fa il suo ingresso a partita iniziata dà una mano alle altre facendosi trovare pronta. È stata una prestazione di squadra.

Vukcevic per noi è molto importante, è rientrata dandoci una grande mano.

Sicuramente altrettanto fondamentale sarà avere la rosa al completo nelle prossime partite per poter essere più competitive possibili.

Sono felice della mia prestazione e spero di dare sempre di più: mi sono sentita bene in questa partita anche se ho fatto qualche errore durante il primo tempo che avrei potuto evitare.

Ora bisogna mantenere i piedi per terra: è bello comunque essere primi, ma non dobbiamo guardare la classifica. Una volta ripresi gli allenamenti però parleremo della partita e degli errori fatti per cercare di migliorarci: la testa deve andare sin da subito a domenica prossima come ogni martedì. Quando si viene al campo per allenarsi ogni volta si volta pagina e ci si approccia al match successivo lavorando al meglio durante la settimana”.

Piero Vittoria