SHARE

Centrocampista numero 8, impiegata nel ruolo di mediano, fa della grinta, corsa e fisicità le sue caratteristiche peculiari che le consentono di recuperare diversi palloni durante la gara e far ripartire il gioco; tifosa milanista ma ormai con la maglia dell’Inter come seconda pelle si ispira a Javier Zanetti, storica bandiera della squadra nerazzurra; capitano della squadra Primavera, è nel giro della nazionale under 23 e vanta anche una convocazione con la nazionale maggiore.

Andiamo alla scoperta di Martina Brustia, classe 1998, calciatrice di spicco della mediana interista, risorsa primaria per la squadra milanese ed elemento di prospettiva in chiave azzurra.

Ciao Martina, se era possibile fornire al pubblico degli appassionati sportivi una tua breve presentazione

Ciao mi chiamo Martina Brustia, sono una centrocampista, nello specifico mediano dell’A.s.d femminile Inter Milano; tra i miei punti di forza annovero indubbiamente la fisicità, la parte atletica e nello specifico la corsa che mi permettono durante una partita di macinare diversi km; sono specializzata per fare lavoro di rottura, per recuperare palloni e giocarli alla compagna più vicina facendo delle giocate semplici, non certo tiri straordinari che non fanno parte del mio repertorio; cerco di lottare in ogni gara con grinta e voglia di vincere cercando di migliorare l’aspetto tecnico, piu’ che un numero 10 mi definisco un numero 8.

A chi ti ispiri come calciatore ?

Avendo avuto la fortuna di conoscere di persona Javier Zanetti, posso garantire che è un modello da seguire per tutti, per la sua serieta’, impegno e amore per la maglia cosi’ come lo è Daniele De Rossi della Roma.

Per quale squadra tifi ?

Son da piccola sono una tifosa milanista, ma è indubbio che ora dopo tanti anni che milito in questa squadra, la maglia nerazzurra la sento come una seconda pelle.

Per il secondo anno consecutivo siete arrivate seconde nel campionato cadetto, sfiorando la promozione in serie A

Dispiace tanto non aver raggiunto il traguardo auspicato, un dolore per i nostri tifosi che nel tempo sono via via aumentati, per la società, per tutte noi ragazze che giochiamo insieme da tanti anni, è un verdetto da accettare, punto di partenza per il futuro, un arricchimento ulteriore di esperienza per noi ragazze giovani.

Nei quarti di finale del campionato Primavera avete superato di misura per 1-0 l’Agsm Verona in una gara equilibrata  

La partita con le veronesi è stata una gara molto complicata, abbiamo affrontato una squadra molto valida, organizzata e compatta, molte ragazze scaligere giocano in nazionale; noi abbiamo impostato il nostro gioco sul possesso palla ma era difficile trovare degli spazi per inserirsi, loro si sono difese in modo ordinato, siamo riuscite a realizzare la rete decisiva, grazie ad un calcio piazzato realizzato dalla mia compagna di squadra, nonché grande amica Agnese Bonfantini; la gara di ritorno non sarà semplice, dovremmo cercare di segnare subito un goal per stare piu’ tranquilli.

La Res Roma resta la squadra favorita per il campionato Primavera ?

Brucia ancora la sconfitta ai calci di rigore patita nella finale della passata edizione, le giallorosse vengono da tre successi consecutivi ma occhio anche alla Juventus, che eventualmente dovremmo affrontare in semifinale, che puo’ vantare in rosa diverse giocatrici della prima squadra.

Under 23 e Nazionale maggiore, convocazioni che lasciano ben sperare per il tuo futuro in azzurro

La convocazione con la nazionale maggiore nella gara di Marsiglia è stata alquanto gradita quanto inaspettata, la buona esperienza fatta nel raduno congiunto con l’under 23 a Gennaio ha favorito questa occasione; mi è stata concessa una grande possibilità che non mi aspettavo e mi gratifica e riempie di orgoglio, andando a sopperire ad alcune defezioni di ragazze della prima squadra; l’azzurro è un obiettivo da raggiungere gradualmente nel tempo, non ci sono rimasta male nel non aver letto il mio nome nell’ultimo elenco delle convocate, ora ci sono giocatrici che hanno piu’ esperienza di me, faro’ il tifo per loro nelle prossime gare.