27/01/2023

11 Giornata – 11 dicembre 2021

Il Pomigliano vince il derby in dieci

Il primo derby campano in massima serie, se lo aggiudica il Pomigliano di patron Pipola che vince anche in inferiorità numerica e delizia i numerosi spettatori della tribuna del “Gobbato”. Il Pomigliano sale a 13 punti, mentre il Napoli resta al terzultimo posto a quota 7.

PRIMO TEMPO- Il Pomigliano si presenta al gran completo, il Napoli targato Domenichetti-Castorina lascia Di Marino in panchina per infortunio e rilancia l’ex Lione Soledad dal 1’ rientrata dalla squalifica. Al 3’ subito le padrone di casa con Moraca (grande ex del match) che impegna Aguirre che si rifugia in corner. Dopo pochi secondi, azione delle locali che chiudono la triangolazione con Moraca che però termina in off-side. Il Pomigliano è padrone del campo e al 12’ passa in vantaggio con un contropiede finalizzato da Salvatore-Rinaldi su assist di Tudisco. Al 25’, primo sussulto del Napoli con la centrocampista Tui che calcia dalla distanza con Cetinja che respinge la sfera in angolo. Dopo 10’ Giusy Moraca lascia le sue compagne in inferiorità numerica per un fallo di reazione spropositato su Erzen: per il direttore di gara è rosso diretto. E’ il 40’ quando Erzen defilata, prova ad impensierire Cetinja ma quest’ultima trattiene il pallone.

SECONDO TEMPO – La ripresa si apre così come la prima frazione: è una sfida giocata a viso aperto, senza paura. Al 20’, capitan Goldoni ristabilisce la parità (dopo il traversone di Popadinova) e, dopo una serie di rimpalli, trova il tocco vincente di misura: è 1-1. Nonostante l’inferiorità numerica e il pareggio subìto, però il Pomigliano non si scoraggia e cerca il nuovo vantaggio con la neo-entrata Ippolito che serve Tudisco, con quest’ultima che calcia lambendo il palo della porta difesa da Aguirre. Al 40’, Ippolito recupera un pallone dalla metà-campo e si invola sulla corsia di destra per puntare e superare la diretta avversaria, ruleta in area alla Zidane  rasoterra defilato che passa sotto le gambe di Aguirre: è il definitivo 2-1 nel tripudio del pubblico di casa che acclama la sua beniamina argentina, nel ricordo di Maradona.

Nei 5’ di recupero, il Napoli prova il forcing finale ma senza sortire alcun effetto positivo.

POMIGLIANO (4-3-1-2) Cetinja ; Augustine (dal 27 s.t. Apicella), Luik, Cox, Fusini; Tudisco, Vaitukaityte, Ferrario; Banusic; Moraca, Rinaldi (dal 19’ s.t Puglisi) (James, Apicella, Varriale, Massa, Ippolito, Capparelli, Schioppo, Lombardi). All.: Panico

NAPOLI FEMMINILE (4-4-2) Aguirre; Abrahamsson, Garnier (dal 13’ s.t. Capitanelli), Corrado, Awona; Erzen, Tui, Severini (dal 41’ s.t. Colombo), Goldoni (dal 41’ s.t. Porcarelli); Soledad, Popadinova (Chiavaro, Di Marino, Imprezzabile, Toniolo, Kuenrath). All.: Domenichetti

Arbitro: Panettella di Gallarate (Rispoli-Spataro/Spina)

MARCATORI: Salvatori Rinaldi (P) 11’ p.t., Goldoni (N) 22’, Ippolito 38’ s.t.

Note: pioggia battente e vento freddo. Spettatori 250 circa. Espulsa Moraca (P) per condotta violenta al 34’ p.t. Amm.: Popadinova, Garnier, Soledad, Capitanelli (N). Rec.: 0’ p.t., 5’ s.t.

Calcioinrosa.it è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Arezzo al n. 5 del 08/08/2018
Copyright © Calcioinrosa 2005 - 2021  | Impostazioni tracciamento  |  Privacy Policy  |  Cookie Policy  |  Contatti  |  Disclaimer