SHARE

Reti: 22′ Kongouli, 39′ Wagner, st. 40′ Wagner

Agsm Verona: Lemey, Molin, Soffia, Wagner, Kongouli, Fishley (21′ st. Hannula), Nichele (26′ st. Bardin), Ambrosi, Decker, Dupuy (10′ st. Lipman), Kostova.
A disposizione: Buhigas, Lipman, Bardin, Meneghini, Goula, Hannula, Bouby.
Allenatore: Renato Longega.

Res Roma: Pipitone, Romanzi, Picchi, Lommi, Coluccini, Nagni (45′ st. Natali), Fracassi, Labate (45′ st. Chiappa), Ciccotti, Biasotto, Simonetti.
A disposizione: Parnoffi, Savini, Chiappa, Natali, Liberati, Graziosi.
Allenatore: Fabio Melillo.

Arbitro: Alessandro Negrelli di Finale Emilia
Assistenti: Alessandro Civettini di Legnago e Marco Roncari di Vicenza.
Note: Terreno in erba artificiale, giornata con cielo nuvoloso. Espulsa Biasiotto al 24′ pt. per gioco falloso. Espulsa Molin al 45′ pt. per fallo da ultima giocatrice. Recupero 1+4.

Verona.
Agsm Verona e Res Roma si affrontano all’ora di pranzo per la diretta Rai della sesta giornata di ritorno nel massimo campionato femminile.
Quello tra gialloblù e giallorosse è un confronto importante poiché entrambe le compagini, staccate di due punti, con una vittoria hanno la possibilità di allontanarsi decisamente dalle zone pericolose della classifica.
Longega cambia molto sia rispetto all’undici della scorsa settimana, sia rispetto alla gara di Coppa. Dentro Nichele, Dupuy e Kongouli.
La prima opportunità capita sui piedi di Elena Nichele che conclude dalla lunga distanza. Para senza problemi Pipitone.
Poco dopo Soffia va sul fondo e mette in mezzo la palla con la difesa romanista che si salva in angolo.
Grande opportunità per il Verona al 14′: schema da calcio d’angolo fra Kostova e Soffia, il cross della bulgara trova libera Decker che da dentro l’area piccola manda di un nulla alto il pallone.
Al 19′ il direttore di gara prima lascia proseguire l’pazione nonostante un evidente fallo ai danni di un gialloblù, poi non concede un calcio dirigore alla formazione giallorossa per un intervento di Decker su Nagni.
Verona in vantaggio al 23′: palla al limite per Kongouli che sbuca tra due difensori e davanti a Pipitone insacca di destro il pallone dell’uno a zero. La greca torna così al gol anche in campionato dopo essersi sbloccata in Coppa.
Due minuti più tardi la Res Roma rimane in inferiorità numerica per l’espulsione di Biasotto rea di aver calciato da dietro Angelica Soffia.
Alla mezz’ora le scaligere falliscono l’opportunità del raddoppio: Kostova calcia a botta sicura ma il pallone viene intercettato fortuitamente da un difensore.
Verona ancora vicinissimo al raddoppio ma sulle conclusioni in rapida successione di Soffia e Kongouli la Res Roma parcheggia il pullman a protezione della porta.
La rete del raddoppio veronese giunge finalmente al 39′: Kostova chiama Pipitone alla respinta, riprende Wagner che calcia in porta, la sfera si insacca nonostante il disperato tentativo di un difensore.
La Res Roma cerca lo spiraglio giusto ma la difesa veronese fa muro e allontana definitivamente con Ambrosi.
Allo scadere della prima frazione l’arbitro ristabilisce la parità numerica in campo espellendo Molin per fallo da ultima giocatrice. Sulla conseguente punizione dal limite di Simonetti Lemey con la mano di richiamo effettua una gran parata.
Si va al riposo con le gialloblù in doppio vantaggio.
Nella ripresa i ritmi si abbassano con il Verona che addormenta la partita.
Non succede praticamente nulla fino al 40′ quando le gialloblù usufruiscono di un calcio d’angolo. L sciabolata di Kostova trova l’inzuccata vincente di Wagner che realizza la doppietta personale mettendo in cassaforte il risultato.
Le ragazze di Agsm Verona si impongono per tre reti a zero e scavalcano in classifica la Res Roma insediandosi al settimo posto.
Ora la lunga pausa per le festività pasquali e gli impegni della Nazionale. Alla ripresa le scaligere saranno chiamate ad allungare la striscia positiva sul campo dell’Empoli.