SHARE

Brutta sconfitta e brutta prestazione del Vicenza che nel recupero  della 23^ giornata cade in casa 2-3 proprio all’ultimo respiro contro il Castelnuovo ultimo in classifica.

Partono bene le Biancorosse che al 17′ si portano in vantaggio con un grandissimo gol di Rigon, ma la gioia dura una decina di minuti quando un tiro dalla distanza di Tontodonati fa 1-1.

Nella ripresa Calandra di testa riporta avanti le nostre ragazze con un colpo di testa su calcio d’angolo, ma al 77′ Bruno pareggia i conti con un’azione uguale a quella del momentaneo 2-1 del Vicenza.

La beffa arriva al 95′ (6′ di recupero) con un autogol sfortunatissimo di Pegoraro che impotente si vede carambolare addosso il cross dalla bandierina di Pasciullo.

In cerca di conferme dopo l’ottima prestazione contro il San Marino, il Vicenza parte forte e al 3′ prova a portarsi in vantaggio: dopo un calcio d’angolo, la palla viene respinta fuori per Fortuna che calcia al volo un campanile che impegna subito Nardulli che deve intervenire in due tempi per evitare il gol.

All’11’ ottimo schema su punizione per le Biancorosse con Ferrati che viene lanciata in porta da Fortuna ma viene anticipata all’ultimo dal
portiere.

Alla terza occasione finalmente arriva il vantaggio: al 17′ palla sulla
destra per Rigon che con l’esterno salta un’avversaria e dal vertice
destro dell’area lascia partire un gran mancino a giro che si infila
direttamente sotto l’incrocio del palo lontano.

La gioia delle ragazze dura però poco e alla prima occasione il
Castelnuovo pareggia al 29′ con un bel tiro da 30 metri di Tontodonati che insacca la sfera sotto la traversa.

Poche occasioni nel primo tempo e nonostante il pallino del gioco sia mantenuto maggiormente dalle Biancorosse, si va a riposo sul risultato di 1-1.

Come nel primo tempo, nella ripresa partono subito in avanti le
Biancorosse: palla a Maddalena appena entrata e gran tiro dalla distanza diretto sotto l’incrocio dei pali ma devia con un gran tuffo Nardulli.

Dal corner, nuova occasione per il Vicenza prima con Calandra che non riesce a spingere in porta tra la confusione di gambe a pochi passi dalla linea e poi con Bettinardi che al volo alza un po’ troppo la mira e calcio sopra la traversa.

Dopo pochi minuti Ferrati, nel tentativo di recuperare un passaggio troppo lungo, si infortuna al ginocchio destro ed è costretta ad uscire dal campo.

L’angoscia e la paura vengono però momentaneamente dimenticate al 58′ quando il Vicenza si riporta avanti: angolo di Maddalena dalla sinistra, cross perfetto per lo stacco di testa di Calandra che insacca il gol del 2-1 e lo dedica proprio a Ferrati che segue la partita fuori dal campo.

Le Biancorosse sembrano poter portare a casa questa vittoria e al 67′ è solo la traversa a negare il gol a Pegoraro che di prima intenzione era arrivata sul cross millimetrico di Calandra dalla bandierina.

Il Castelnuovo però non sembra volersi arrendere e approfittando di un calo del Vicenza prova a colpire.

Su una delle rare occasioni delle abruzzesi arriva il gol del 2-2: al
77′ angolo dalla sinistra di Pasciullo e cross preciso sul secondo palo per l’inserimento di Bruno che di testa incorna in rete.

Le avversarie si caricano con il passare dei minuti e credono in una
(im)possibile rimonta che sembra possa svanire sul tentativo di Rigon da fuori area che per sfortuna delle Biancorosse si spegne di poco a lato.

Su 6′ di recupero, la beffa arriva al 95′: al secondo angolo consecutivo (il primo ha rischiato di infilarsi direttamente in rete ma Dalla Via ha deviato oltre la traversa), il Castelnuovo trova il gol vittoria.

Dalla bandierina si presenta Pasciullo che crossa, Dalla Via non esce nel migliore dei modi e la palla sfila sul secondo palo carambolando sul corpo di un’impotente Pegoraro e ferma la sua corsa oltre la linea di porta per il 2-3.

C’è troppo poco tempo per recuperare e la partita si conclude così: grande festa per il Castelnuovo e grande delusione per il Vicenza.

Le avversarie nonostante la seconda lunga trasferta (dopo quella a vuoto di qualche settimana fa) portano a casa dei punti pesantissimi, brave e fortunate a sfruttare al meglio le pochissime occasioni contro un Vicenza che non è riuscito a chiudere la partita quando doveva.

Martedì si torna di nuovo ad allenarsi per cercare di ritrovare la
squadra che due settimane fa aveva espugnato San Marino e che in entrambe le sfide con il Castelnuovo (1 V, 1 S) non è riuscita a
dimostrare il proprio vero valore.

Tabellino

Vicenza Calcio Femminile – Women Soccer Castelnuovo 2-3

VICENZA CALCIO FEMMINILE (4-2-3-1)

Dalla Via; Pomi R. (C), Balestro, Pegoraro, Frighetto; Ferrati (56′
Lazzari), Fortuna; Pomi S. (46′ Bettinardi), Novello (46′ Maddalena),
Rigon; Calandra

All. Dori Cristian

WOMEN SOCCER CASTELNUOVO (4-3-3)

Nardulli; Bruno (80′ Perilli), Di Domenico, Cieri, Racciatti;
Tontodonati (C), Pasciullo, Monterubbianesi (50′ D’Ignazio); Speca,
Cravero, Romani (46′ Veneziale)

A disposizione: Marcucci, Fiore, Marini, Foglia

All. Mucci Francesco

Marcatrici: 17′ Rigon (V), 29′ Tontodonati (C), 58′ Calandra (V), 77′
Bruno (C), 95′ autogol Pegoraro (V)

Arbitro: Gasperotti Silvia (Rovereto)

Assistenti: Cingerle Massimo e Rosa Enrico (Vicenza)

Ammonite: Calandra (V)

Recupero: 2′; 6′

Ufficio Stampa Vicenza Calcio Femminile

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here