SHARE

Cresciuta nella realtà lombarda in compagnia di calciatrici di alto livello, amata e coccolata dal pubblico degli sportivi per il suo grande impegno e cuore fuori e dentro dal campo, è stata capace di ambientarsi in poco tempo nella nuova realtà biancorossa coronando con grande caparbietà le sue brillanti prestazioni con la prima rete realizzata in campionato nella sfida con il Verona, subito dopo quella realizzata in coppa con il Napoli. Top scores nella spedizione azzurra Under 19 a Belfast ha meritato la riconferma in azzurro partecipando al recente stage congiunto della selezione Under 23 con la nazionale maggiore. In sintesi, un anno di Annamaria Serturini, attaccante classe 1998, per i tifosi e beniamini semplicemente AS 15, calciatrice atipica e fuori dal comune, capace di vincere con grande coraggio e maturità le sfide che l’anno le ha riservato, rimettendosi in gioco, pronta e determinata, per affrontare quelle nuove e sempre più impegnative del prossimo che verrà.

Ciao Anna, un altro anno volge al termine, cosa salvi e cosa butti di questo 2017 che ti ha visto protagonista con le maglie di Brescia, Pink Bari, Under 19 e Under 23 ?

Ciao Mariano, e si è finito anche questo 2017 direi terminato alla grande con il gol in coppa Italia con il Napoli, il primo gol in campionato con il Bari e la convocazione in Under 23, quindi non avrei desiderato un finale migliore. Sicuramente ricordo con piacere tutti i gol realizzati con il Brescia, le marcature con la nazionale Under 19 (3 gol in 3 partite alla fase finale dell’Europeo in Irlanda), l’emozione di rivestire la maglia azzurra e la prima convocazione in Under 23. Buoni propositi per il 2018. Sicuramente mi ripropongo di raggiungere la salvezza con la Pink Bari, magari arricchita da tanti altri miei gol, oltre naturalmente a continuare a giocare con la nazionale Under 23 Sei stata protagonista nell’ultima giornata di campionato siglando la tua prima rete stagionale.

Oltre a tuo padre che compiva gli anno proprio quel giorno a chi altro ti senti di dedicare la tua prima marcatura in maglia biancorossa ?

Dedico il mio primo gol realizzato con la maglia del Bari a mio padre e mia madre, perché fin da quando avevo 3 anni hanno fatto mille sacrifici per me per vedermi felice e sorridente. Infine le tue emozioni e sensazioni del tuo ritorno in maglia azzurra con l’Under 23 nello stage congiunto con la selezione maggiore Come dico sempre per una calciatrice italiana la maglia della nazionale è un sogno e secondo me è la consacrazione del lavoro, della fatica e del sacrificio che si fa durante la stagione. Penso che sia stupendo, rappresenti la tua nazione e hai una grossa responsabilità. Per chi gioca a calcio è la più bella notizia che ci si possa aspettare.

Mariano Ventrella